Telegram

Bai Shulin, 70 anni, ha riconosciuto immediatamente il ragazzino nudo in un documentario in bianco e nero, era lui all’età di sei anni. Nel filmato, il giovane Bai portava sulla schiena un cesto di bambù, circondato da boschi selvaggi e adulti seminudi vestiti con foglie di banano.

I video hanno riportato la memoria di Bai a 64 anni fa, quando lui e i suoi coetanei Kucong uscirono per la prima volta dalle viscere delle montagne.

L’etnia Kucong, un ramo del gruppo etnico Lahu, viveva una vita primitiva nelle regioni montuose della provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina. Ad oggi, lo Yunnan ha 30.000 persone di etnia Kucong, che vivono principalmente nell’area del monte Ailao nelle contee di Zhenyuan e Jinping.

Telegram

Un poeta locale descrive la vita tradizionale dei Kucong così “i bambini sono stati lasciati nella fitta foresta” e “persone che indossano pellicce e foglie, mangiando frutti selvatici e vivendo in capanni fatti con foglie di banano che non riuscivano a ripararli dal vento e dalla pioggia”.

“Quando ero bambino, un pezzo di carne di scoiattolo poteva essere tutto ciò che mangiavo in un giorno e le foglie di banano arrostite venivano spesso usate per avvolgere un bambino dopo la nascita”, ha detto Bai.

Dagli anni Cinquanta, le politiche di sostegno rivolte alle minoranze etniche povere hanno aiutato a ricollocare i Kucong nelle comunità moderne, con 3.739 Kucong che si sono trasferiti dalle montagne a Jinping dagli anni Cinquanta al 1963. Tuttavia, molti di loro sono poi tornati sulle montagne non essendo riusciti ad abituarsi al clima e alle abitudini di vita altrove.

Il villaggio di Bai è anche conosciuto come “Villaggio Liuban”, che in cinese significa letteralmente che si è spostato sei volte, e si trova nella circoscrizione etnica di Zhemi Lahu, nella contea di Jinping, vicino all’estremità meridionale del monte Ailao.

Bai è diventato capo del villaggio nel 1968 e aveva inaugurato il viaggio per condurre i suoi abitanti fuori dalle montagne, facendolo per quattro volte.

Con l’aiuto del governo, gli abitanti del villaggio si sono finalmente stabiliti nel villaggio di Laolinjiao nel 2009 e questa posizione ha offerto loro migliori condizioni di spostamento.

“Le autorità locali hanno costruito per noi case di cemento e i funzionari ci hanno insegnato le ultime tecniche di produzione”, ha detto Bai. “Finalmente, tutto è andato liscio e la gente non ha mai nemmeno pensato di tornare a vivere in capanni fatti con foglie di banano”.

A poco a poco, i Kucong hanno imparato a coltivare riso, banane e gomma. Negli ultimi anni hanno anche iniziato a piantare noci di macadamia ed erbe medicinali.

Il boom dello sviluppo di varie industrie ha portato fortuna ai Kucong e il villaggio di Bai è stato ribattezzato villaggio di Anfu, che in cinese significa stabilità e felicità.

“Rispetto al passato, i Kucong hanno faticato di più per lavorare per una vita migliore negli ultimi anni”, ha affermato Wang Qiujie, capo della circoscrizione di Zhemi Lahu che amministra il villaggio di Anfu.

Bai Longfa, nipote di Bai Shulin, ha trovato il documentario sui Kucong di recente mentre navigava su Internet con un cellulare 5G ed è stato entusiasta di condividerlo con tutta la famiglia.

“Grandi cambiamenti sono avvenuti nel villaggio”, ha detto Bai Longfa. “Quando ero giovane, non c’era nemmeno un bagno nel villaggio. Le persone andavano sempre in un angolo nascosto nel bosco e lo usava come bagno”.

La disponibilità della rete 5G nel villaggio ha facilitato il sogno dello giovane Bai di sviluppare più imprese. “Ho visto molti prodotti agricoli vendere bene sulle piattaforme di live streaming online e voglio cogliere anch’io questa opportunità”, ha detto Bai, aggiungendo di aver parlato con alcuni abitanti del villaggio intenzionati a provare .

Nel tempo libero, Bai Longfa ama guidare la sua macchina fino al capoluogo di provincia Kunming per acquistare beni per il negozio di abbigliamento che gestisce nel villaggio. Durante il viaggio di cinque ore scatta sempre foto del paesaggio e le condivide su WeChat.

“Piacciono a molti amici e abbiamo deciso di viaggiare in più posti in futuro”, ha detto Bai. (Xin) © Xinhua

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteApprovata in via definitiva la direttiva sul caricabatterie unico
Articolo successivoCina: commercio estero di beni +9,9% a gennaio-settembre