Telegram
Telegram

Il caldo africano ha lasciato Brescia, ma nell’aria rimane alta la concentrazione di Ozono. Un dato, quello ARPA, che preoccupa considerando che si tratta del quinto giorno in una settimana. I valori superano i 240 microgrammi al metrocubo e cioè il limite.

Già durante la prima ondata di caldo di due settimane fa i livelli di ozono avevano superato i limiti e questo non fa altro che danneggiare la salute delle persone più esposte. Anziani e bambini ovviamente sono gli obiettivi più sensibili. Una forte concentrazione di ozono nell’aria può portare a difficoltà respiratorie, irritazioni di occhi, naso e gola. Particolare attenzione dovranno prestarla chi soffre di patologie polmonari e chi lavora per la maggior parte del tempo all’esterno come lavoratori edili o manutentori delle strade.

Anche mercoledì 31 luglio, secondo le previsioni ARPA, i livelli di ozono rimarranno elevati per poi abbassarsi da giovedì.

Telegram
Telegram

 

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteMistero a Montichiari: auto in fiamme ma nessuna traccia del proprietario
Articolo successivoFunerali Vitor, la famiglia ha deciso di celebrarli in Brasile