Image default
Cronaca Notizie

Il figlio di Seramondi testimone nel processo a Massimo Sorrentino

Ripulire il piazzale antistante la pizzeria in cambio di 15 mila euro. Questo ha dichiarato in aula Marco Seramonti, il figlio di Francesco Seramondi e di Giovanna Ferrari uccisi nell’agosto del 2015 all’interno del loro esercizio commerciale “Da Frank”.

Il soggetto in questione è Massimo Sorrentino, il proprietario della pizzeria “Tre Monelli” arrestato nei mesi scorsi e ora a processo con altre 15 persone per reati di estorsione aggravata dal metodo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, ricettazione, riciclaggio, corruzione e accesso abusivo dei sistemi informatici.

Secondo la ricostruzione fornita da Marco Seramondi, Massimo Sorrentino avrebbe offerto la propria protezione salvo ricevere un secco no da Francesco Seramondi. «Quando i miei sono stati uccisi – ha ricordato in aula Marco Seramondi – Sorrentino è stato tra i primi a farmi le condoglianze. Mi chiese una fotografie delle salme di mio padre e di mia madre: la cosa mi ha spaventò molto.

Il duplice omicidio era avvenuto pochi giorni dopo il rifiuto di mio padre all’offerta di Sorrentino, in quei giorni ero davvero frastornato e posso avere pensato di tutto”. Nell’ambito del processo sul duplice omicidio di via Vallecamonica la verità sugli esecutori e mandanti è emersa.

Per gli omicidi sono definitivi gli ergastoli per Muhammad Adnan e Sarbjit Singh così come le condanne per Santokh Singh, Surjet Singh mentre dovrà essere ricelebrato l’appello per Jasfir Lal.

Elive Brescia - Trasmissioni

TG News & Sport

Tutti i giorni

Edizioni : 12.30 - 13.30 - 19.00 - 20.00 - 22.30 - 24.00 | CANALE 16

Sette & Mezzo

Tutte le sere

alle 19.30 e alle 23.00
CANALE 16
con Paolo Bollani

Elive Newsletter

Info e Commerciale

  • News@elivebrescia.tv
  • Commerciale@elivebrescia.tv

Copyright © 2018 Elivebrescia | 16MEDIA srl | P.Iva 04045290980 | Made in Gamke.it | AB Design Team Works | Leggi la Privacy e Cookie Policy