Telegram
Telegram

“Oggi il tessuto industriale è ripartito come numero di aziende, ma con un livello di attività ridotto, che stimo intorno al 50%. – ha detto il presidente di Aib Giuseppe Pasini in merito alla situazione delle industrie bresciane – Si spera per la fine di maggio di raggiungere un 90% della nostra capacità produttiva. Se non ci saranno nuove emergenze sanitarie, questa sarà la nostra nuova normalità, la normalità ai tempi del Coronavirus”.

Il timore di Pasini è che dopo due mesi di stop forzato, però, porti problemi alle aziende che intrattengono rapporti con realtà estere. L’incertezza della domanda potrebbe infatti costringere alcune industrie a ricostruire da zero le quote di mercato perdute in queste settimane.

Dito puntato anche sulla difficoltà di accesso al credito e la liquidità, specialmente per le piccole industrie: “C’è troppa lentezza burocratica. È un appello di noi imprenditori, che ho visto è stato rilanciato in questi giorni dal ministro per lo Sviluppo Economico”.

Telegram
Telegram

Ulteriore tema caro agli imprenditori bresciani è a sicurezza dei dipendenti e la necessità di avere a disposizione – anche a pagamento – un ampio numero di test sierologici.

“MI aspetto anche più coraggio da parte della Regione Lombardia, alla quale chiediamo di avere al
più presto chiarezza e strumenti per eseguire i test sierologici ai nostri dipendenti – ha concluso Pasini – Abbiamo ribadito più volte che siamo disponibili a farci carico di questi costi, ma abbiamo bisogno di avere i test e le strutture abilitale”.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteIss, “se si riaprisse tutto, le terapie intensive sarebbero di nuovo sature entro l’8 giugno”
Articolo successivoIl Brescia Calcio esprime pieno sostegno a Spadafora