Telegram
Telegram

Furto aggravato ai danni dello Stato. Questa l’accusa mossa nei confronti di un bracconierie di Bione scoperto dai Carabinieri della Forestale a nascondere 1140 esemplari di uccelli selvatici dei quali oltre 1000 già spiumati e congelati. L’uomo era sotto tiro da tempo: nel mirino degli uomini dell’arma c’erano cinque zone nelle quali il bracconiere aveva installato 90 metri di reti da uccellagione oltre ad altri sistemi di cattura illecita. Al momento della perquisizione è stata scoperta anche la complicità del figlio 23enne. Dalle indagini è emerso che i due vendevano gli uccellini a ristoranti o a privati, sia come alimento, sia come richiami vivi. 59 esemplari sono stati liberati sul posto mentre 12 saranno consegnati ad un centro di recupero per animali selvatici.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCosenza-Brescia vivila con Diretta Stadio dalle 14.30 su Elive Brescia.Tv
Articolo successivoTorna l’ora solare: lancette indietro di un’ora tra sabato e domenica