Telegram

Con la recente approvazione dell’Aifa circa l’utilizzo del vaccino per la fascia di età 5-11 anni, la Struttura commissariale ha programmato la distribuzione a dicembre di altre 1,5milioni di dosi pediatriche di vaccino mRNA -Pfizer. Le dosi – riferisce un comunicato della Struttura commissariale guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo – rappresentano una prima tranche che sarà poi integrata a gennaio e saranno rese disponibili a partire dal 15 dicembre, in modo che tutte le strutture vaccinali delle Regioni/Province autonome, saranno in grado di procedere alla vaccinazione dei bambini a partire dal giorno 16 dicembre.

Sono 430.614 le somministrazioni di vaccino effettuate a livello nazionale nella giornata di ieri, che ha visto il superamento del target giornaliero di 400 mila indicato dalla Struttura commissariale per le prime tre giornate di dicembre. In particolare – riferisce un comunicato della Struttura commissariale – le prime dosi sono state 30.286, a fronte di 26.003 seconde somministrazioni (cicli primari completati), mentre le dosi addizionali/booster hanno raggiunto quota 374.325.

I punti di somministrazione che operano a livello nazionale sono 2.453 con una previsione incrementale, in un contesto di ampia disponibilità di vaccini a mRNA, stimati in oltre 20 milioni di dosi/somministrazioni previste fino al 31 dicembre 2021, utili a soddisfare la potenziale richiesta di 14 milioni di persone (over 18), che hanno terminato da 5 mesi i cicli di vaccinazione primari, o che ancora devono completarli. L’accelerazione impressa all’attuale fase della campagna di somministrazione dei cicli primari e dei richiami, nel pieno rispetto delle priorità stabilite, consentirà di ridurre ulteriormente il numero di soggetti non ancora vaccinati e di mantenere un’elevata protezione individuale nei soggetti già vaccinati con il ciclo primario, mitigando così la recrudescenza epidemica.

Telegram

Non ci sarà nessun green pass per la fascia di età pediatrica, questo è sicuro. Lo afferma Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, su Radio Cusano Campus: “Non c’è un obbligo vaccinale. Vi è stato l’ok di Ema e Aifa, dopodiché il vaccino sarà disponibile, i percorsi per procedere alla vaccinazione sono gli stessi che già esistono, ovviamente con delle corsie differenziate e un approccio diverso perché la vaccinazione nell’età pediatrica è più delicata anche a livello di comunicazione e di accortezze, servirà in molti casi anche più dialogo con i genitori”.

Della stessa opinione Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute, che parlando a SkyTg24 ha affermato: “Nessuno pensa all’obbligo di vaccinazione per i bambini. Lo abbiamo fatto per i professionisti che sono a contatto con le persone fragili. Bisognerà fare una campagna attiva per convincere. Purtroppo con la Omicron sono loro che si ammalano di più perché non sono coperti e poi diffondono il contagio”.

“Abbiamo verificato quanto sta circolando il virus nei bambini tra i 5 e gli 11 anni. C’è stata un’impennata nelle ultime settimane per questa fascia d’età – ha detto Patrizia Popoli, presidente della Commissione tecnico-scientifica dell’agenzia del farmaco di Aifa -. Questo perché i bambini non sono vaccinati”.

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteFontana: “Raggiunto il 90.9% di seconde dosi”
Articolo successivoBus a basso impatto ambientale, oltre 10 mln a Brescia