Telegram

L’Assessorato delle Politiche Giovanili del Comune di Brescia, in collaborazione con Fraternità Creativa Impresa Sociale Scs Onlus, promuove uno spazio integrato di ascolto: uno sportello rivolto ai giovani della fascia di età compresa tra i 15 e 23 anni.

Questo sarà “uno sportello di ascolto e di orientamento, neutro e non giudicante”, così viene definito dalla Loggia.

Il servizio – come si legge nella nota del Comune di Brescia – sarà multidisciplinare e “accoglierà il vissuto personale dei ragazzi rispetto ai processi di crescita, maturità e cambiamento e riguardo alle necessità relative alle dinamiche dei rapporti relazionali (famigliari o di altra natura)”. Inoltre sarà un sostegno per tutti i giovani coinvolti nella fruizione delle nuove tecnologie comunicative e digitali.

Telegram

In linea generale, si cercherà di favorire l’espressione di dubbi, difficoltà, incertezze, emozioni che in qualche modo possano influenzare il vissuto del giovane. Il servizio vuole anche “favorire lo sviluppo di una relazione d’aiuto, di costruire insieme opportunità di riflessione, di incrementare ed incentivare l’autostima e il senso di auto-efficacia e di individuare, promuovere e incrementare abilità e risorse personali”.

L’aspetto pratico

L’accesso allo spazio integrato di ascolto – come si legge nella nota – sarà attivo su due livelli consequenziali e complementari.

Un primo livello riguarderà l’accoglienza e l’analisi del bisogno, e metterà in contatto i giovani con il professionista competente. L’operatrice incaricata sarà la psicologa Lucia Mazzetti, che riceverà i ragazzi (sia inviati dai servizi, sia su richiesta spontanea) su appuntamento attraverso il contatto mail: lucia.mazzetti@fraternita.coop oppure tramite il numero di cellulare: 3456567137. Le giornate disponibili saranno il lunedì dalle 14 alle 18 oppure il giovedì dalle 15.30 alle 18.30.

La psicologa pianificherà quindi un primo incontro direttamente con il giovane interessato per un’analisi-filtro del bisogno di ascolto e per la compilazione della documentazione necessaria per proseguire il rapporto (nel caso di minori sarà necessario il consenso di entrambi i genitori).

In alternativa, la stessa documentazione potrà essere inviata anticipatamente oppure sarà richiesto ai genitori di presentarsi allo sportello. L’operatrice, inoltre, creerà un contatto diretto con il professionista competente o con enti competenti in relazione al bisogno espresso.

Il secondo livello riguarderà invece la gestione dei colloqui individuali con il giovane. Dopo l’analisi del bisogno di ascolto avvenuta al primo livello, il professionista incaricato condurrà gli incontri valutando la situazione con maggiori elementi di profondità, definendo un piano di accompagnamento sostenibile e funzionale.

I colloqui, che si terranno nella sede dell’Assessorato alle Politiche Giovanili in via Marchetti 3, offriranno uno spazio di riflessione, ascolto e supporto per far emergere e rielaborare le problematiche esposte.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteBaby gang: dopo il servizio delle Iene gli bruciano il bar
Articolo successivoBrescia: calano i rifiuti normali, ma non quelli speciali