Telegram
Telegram

Un Natale da dieci e lode. E’ quello vissuto dall’Atlantide Pallavolo Volley capolista della Serie A2 di pallavolo maschile. La squadra del patron Giuseppe Zambonadi ha festeggiato con squadra, sponsor e adDetti ai lavori quello che senza ombra di dubbio è il miglior Natale degli ultimi anni. Mai c’è stata una partenza così. Mai nella storia del club bresciano targato Sferc si era visto un inizio così spumeggiante. Dieci vittorie in altrettante partite: un rullo compressore è apparsa fino a questo momento la squadra di coach Roberto Zambonardi. Nessuno ha saputo tenere il passo della compagine capitanata da Simone Tiberti. Nessuno ha saputo fermare la corsa sin qui immacolata di un gruppo che, anche nella cena di Natale, ha fatto vedere di essere unito e compatto. Sognare è possibile a fronte del grande lavoro messo in campo dallo staff tecnico al fine di amalgamare nel migliore dei modi una squadra con tanti giovani e alcuni uomini d’esperienza. L’ultimo turno di campionato ha portato in dote il sorpasso in classifica, seppur di un solo punto, da parte della Sinergy Arapi Mondovì: l’unica squadra a provare a tenere il passo della Centrale del Latte Sferc Brescia. Un turno nel quale l’Atlantide ha potuto riposare in vista dei prossimi ed ultimi impegNi del 2018. La volontà ed il sogno è quello di chiudere nel migliore dei modi l’anno al fine di mettere ulteriore fieno in cascina per essere poi pronti a giocarsi le proprie chance nella seconda parte di stagione. Centrale del Latte Sferc Brescia in campo il 23 dicembre contro l’Acqua Fonteviva Apuana Livorno ed il 26, giorno di Santo Stefano, il big match sul campo di Mondovì. Due gare per segnare un nuovo record, una nuova storia, una nuova pagina di grande pallavolo.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteDesenzano, agente-eroe salva donna dal suicidio
Articolo successivoBrescia Calcio: prima lettera dell’alfabeto tabù ma sognare si può