Telegram
Telegram

Basket: l’Armani passa a condurre la serie. Germani ko per 74 a 80

Milano avanza nella serie. L’Armani Jeans conduce ora 2-1 contro la Germani Basket Brescia Leonessa. Merito e frutto della vittoria ottenuta per 80 a 74 nella serata di ieri al Pala George di Montichiari. Gara combattuta punto a punto quella tra gli uomini di coach Diana e quelli di Pianigiani nella quale, la differenza, l’hanno fatta gli errori della squadra capitanata da David Moss. Nel momento finale con il punteggio a favorire la compagine della presidente Graziella Bragaglio qualcosa si è rotto e inceppato permettendo a Milano di sopravanzare nel punteggio e chiudere a proprio vantaggio gara-3. Germani Basket Brescia abbattuta dalle triple Goudelok e dalla precisione al tiro di Micov. Sono bastati questi due talenti della palla a spicchi per spegnere l’entusiasmo degli oltre 4000 del Pala George di Montichiari. Brescia a dare veramente tutto in campo ma inciampando sulla serata storta di David Moss e quella altrettanto storta di Dario Hunt. Alla formazione di coach Andrea Diana non è bastata la carica e la verve dei fratelli Vitali, della freschezza di Cotton e della foga di Sacchetti. Nel momento topico della serata si è spento come una candela senza più cera Landry autore di un primo tempo sontuoso ed una ripresa in apnea. Ma la Germani Basket Brescia Leonessa merita solo ed esclusivamente applausi perché quella di ieri sera è stata l’ennesima dimostrazione di una squadra che può davvero giocarsela con tutto e tutti. Nulla è compromesso definitivamente con gara-4 da giocare domani sera davanti nuovamente al pubblico amico. La speranza di tutti è quella di trovare il successo e andare alla bella, ovvero a gara-5.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteTerrore a Milzano: folle fuga di tre banditi inseguiti dai Carabinieri
Articolo successivoDue arresti per rapine ai danni di minori: in carcere due ventenni