(Photo credit by Bresciaoggi)
Telegram
Telegram

Le lacrime agli occhi, le mani a coprire gli occhi per non vedere l’amico esanime a terra. Lo ha visto sbandare e finire contro il guardrail perdendo la vita. Un attimo, una frazione di secondo a strappare via per sempre la vita di Danilo Zinaru, 41 enne residente a Bedizzole ma di origini sarde. Il centauro era in sella alla sua motocicletta ed in compagnia di un amico quando è accaduto il sinistro mortale lungo la provinciale 18 in territorio di Valvestino. Lo schianto alle 16.30 mentre Zinaru stava scendendo da Capovalle verso Novazzo. Oltrepassato il secondo e ultimo ponte sulla diga, in un tratto in leggera salita, prima di una curva a gomito a sinistra, ha improvvisamente perso il controllo del mezzo schiantandosi violentemente contro il guardrail. Nell’impatto contro il cordolo il motociclista è stato sbalzato di sella volando per qualche metro nella scarpata che delimita la strada sul versante della diga, mentre il mezzo si rovesciava sulla strada. E’ stato proprio l’amico che lo seguiva a far scattare i soccorsi con l’arrivo dell’eliambulanza di Verona. Per un’ora i sanitari hanno tentato di rianimare l’uomo invano. Per i rilievi è arrivata una pattuglia della Stradale di Salò. Fino alle 18 la Provinciale è rimasta chiusa in entrambi i sensi di marcia. Danilo Zinaru lascia la compagnia e due figli, di 15 e di 11 anni.

(Photo credit by Bresciaoggi)
Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteMaltrattamenti all’asilo, interrogate le tre maestre
Articolo successivoScuola: mucchio di bocciature tra i banchi delle superiori