Telegram
Telegram

Ha fatto clamore la sospensione dell’attività venatoria in Lombardia sancita con un’ordinanza del Tar regionale a seguito di una ricorso della Lac. Proprio nel pomeriggio di ieri era andata in scena una dura protesta da parte di una delegazione di cacciatori a Torbole nei confronti di Matteo Salvini e dell’assessore regionale Fabio Rolfi.

Per porre una pezza a questo stallo, che sarebbe dovuto durare fino al prossimo 7 ottobre, la giunta regionale ha approvato in queste ora una delibera lampo contenente le disposizioni integrative al calendario venatorio regionale 2021/2022 in adeguamento al parere Ispra.

Queste le dichiarazioni dell’assessore Rolfi inviateci da Regione Lombardia:

Telegram
Telegram

“Da sabato riapriamo la caccia in Lombardia per addestramento cani e per l’appostamento da alcune specie – ha annunciato Rolfi in serata – Dal 2 ottobre tutto il resto dell’attività venatoria. Un provvedimento necessario per rispondere all’atto monocratico del Tar della Lombardia, avvenuto senza confronto. Il documento approvato ha validità fino al 7 ottobre in attesa della sentenza sul calendario originale dopo la quale decideremo quale strada intraprendere garantendo comunque il proseguo dell’attività. Con questo atto si riducono le giornate perse e si dà la possibilità ai cacciatori che hanno pagato le licenze di riprendere l’attività”.

Con la nuova delibera si riattiva l’esercizio venatorio su tutto il territorio regionale.

In particolare:

  • dal 25.09.21, riparte la caccia solo da appostamento limitatamente alle specie colombaccio, cornacchia grigia, cornacchia nera, gazza, ghiandaia e merlo;
  • fino al 30.09.21, riparte l’addestramento e allenamento dei cani negli ATC e in alcuni CA;
  • dal 2.10.21, riparte la caccia alla piccola fauna stanziale (fagiano, starna, pernice rossa, lepre, coniglio selvatico, minilepre e volpe) in forma vagante e alle specie ornitiche (tordo bottaccio, tordo sassello, anatidi, beccaccia, beccaccino ecc.), sia da appostamento che in forma vagante.

La caccia al cinghiale, in tutte le sue forme (collettive e in selezione), non era stata interrotta dalla sopra citata sospensiva.

La caccia in selezione agli ungulati poligastrici (cervo, capriolo, camoscio e muflone), regolamentata con decreti dei dirigenti AFCP, prosegue ovunque con effetto immediato

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteDuemila litri di gasolio confiscati, sono stati donati ai Vigili del Fuoco
Articolo successivoBollettino covid: ancora un lieve calo nei ricoveri, a Brescia 67 casi