Caffaro, ci sono i soldi per la bonifica

L’annuncio lo hanno dato i parlamentari bresciani di ogni schieramento: nella manovra di bilancio attualmente in fase di definizio e approvazione, ha trovato spazio anche un emendamento dedicato a ritrovare i fondi necessari per la bonifica dell’ex sito produttivo di Brescia Caffaro.

Nei giorni scorsi il commissario strordinario del Sin Mario Nova, aveva infatti comunicato che a seguito di diverse problematiche (non ultimo il caro prezzi) il bando sul progetto realizzato non si era concluso in modo positivo.

Da qui l’impegno dei parlamentari che sono riusciti a inserire nella finanziaria una voce dedicata a questo delicato problema.

Non è stato facile trovare l’accordo, che però è stato chiuso attorno all’una della scorsa notte. L’emendamento ha trovato posto in un apposito fondo creato proprio per fare fronte a quelli che sono stati i rincari degli ultimi mesi e di fatto scongiurare il rischio che le opere pubbliche si bloccassero.

Il totale dello stanziamento ammonta in tutto a 10 miliardi di euro spalmati sui prossimi anni e a cui il Commissario potrà attingere per far fronte alle discrepanze dovute agli aumenti. Questo stanziamento sarà così ripartito: 500 milioni nel 2023, un miliardo del 2024, 2 miliardi nel 2025, 3 miliardi nel 2026 e 5 miliardi e mezzo nel 2027.

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa Cina costruisce il corridoio di energia pulita più grande al mondo
Articolo successivo“La torre dell’acqua della Cina” vede aumentare la biodiversità