La provincia del Qinghai, nella Cina nord-occidentale, sta offrendo un habitat sempre più accogliente per la fauna selvatica grazie alle molteplici misure di conservazione degli ultimi anni.

Soprannominato “la torre dell’acqua della Cina”, il Qinghai ospita l’area di Sanjiangyuan, dove hanno origine i fiumi Yangtze, Giallo e Lancang. Caratterizzata da un’alta concentrazione di specie, la provincia ha rafforzato la protezione della fauna selvatica sulla base di una serie di strutture come parchi faunistici, giardini botanici e centri di salvataggio e riproduzione della fauna selvatica.

Nel Parco della fauna selvatica dell’altopiano Qinghai-Tibet, ci sono attualmente più di 1.200 animali selvatici di 108 specie, inclusi 97 animali selvatici di 16 specie sotto il primo livello di protezione statale e 210 animali selvatici di 30 specie sotto il secondo livello di protezione statale.

In una stazione di salvataggio e riproduzione della fauna selvatica nel Parco nazionale del monte Qilian, il personale è impegnato a nutrire animali selvatici come il gatto del deserto. La stazione, entrata in funzione a luglio, ha accolto 34 animali selvatici isolati e feriti, di cui 26 erano sotto protezione statale di primo o secondo livello. Da allora, sette sono stati rilasciati con successo, tra questi c’era un animale selvatico sotto il massimo livello di protezione statale e quattro animali selvatici sotto il secondo livello di protezione statale.

Nell’ultimo decennio, il Qinghai ha salvato più di 1.000 animali selvatici feriti e intrappolati di 50 specie e ha preservato 1.235 campioni di risorse di germoplasma forestale.

Essendo il più grande lago interno della Cina, il miglioramento ecologico del lago Qinghai lo ha reso un importante terreno fertile con un gran numero e diverse specie di uccelli migratori. Il numero di specie di uccelli nel lago è salito a 232.

La provincia ha anche promosso la costruzione di un parco nazionale per la conservazione della biodiversità.

La Cina ha avviato l’operazione pilota del Parco nazionale di Sanjiangyuan nel 2016 e lo scorso ottobre il parco ha ricevuto la sua designazione ufficiale. Anni di sforzi per migliorare gli habitat della fauna selvatica e la conservazione degli ecosistemi hanno aumentato la popolazione di animali selvatici nel parco.

L’ultimo rapporto pubblicato dal Parco nazionale di Sanjiangyuan ha mostrato che la popolazione di antilopi tibetane a Hol Xil, nell’entroterra dell’altopiano del Qinghai-Tibet, è passata da meno di 20.000 negli anni ’90 a più di 70.000. Lo stato delle antilopi tibetane in Cina è stato declassato da “in pericolo” a “quasi minacciato”.

Attualmente, l’area totale delle riserve naturali nel Qinghai ha raggiunto i 267.500 km quadrati, pari al 38,42% della superficie terrestre della provincia.

“Continueremo a proteggere la biodiversità nelle foreste e nelle praterie e ci sforzeremo di fare nuove scoperte”, ha affermato Feng Yongsheng, vice direttore dell’ufficio di gestione dei parchi nazionali e delle riserve naturali dell’amministrazione provinciale delle foreste e delle praterie. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCaffaro, ci sono i soldi per la bonifica
Articolo successivoCina: recupero di petrolio terziario a Daqing raggiunge livelli record