Telegram
Telegram

Se il Tar darà ragione alla Provincia e quindi confermerà la revoca dell’autorizzazione integrata ambientale e lo stop alla produzione, Caffaro Brescia avvierà il licenziamento collettivo di tutti i 54 dipendenti per cessazione dell’attività.
La minaccia dell’azienda – riportata dal Giornale di Brescia – arriva alla vigilia della decisione dei Giudici.
Dal 14 ottobre la produzione è ferma ma non completamente l’attività. In queste settimane i lavoratori hanno proseguito il lavoro di gestione della barriera idraulica, ovvero le operazioni che filtrano i veleni impedendo che finiscano nella falda cittadina.
E questo, in caso di fine attività della Caffaro Brescia sarebbe l’altro serio problema da affrontare immediatamente e, sarebbe a carico del Ministero dell’Ambiente.
Uno stop che provocherebbe due immediate emergenze: la prima occupazionale con 54 operai che perderebbero il lavoro la seconda, appunto, di sicurezza per tutti i bresciani, per evitare che l’inquinamento non peggiori drasticamente con la necessità di interventi immediati.
La Regione Lombardia si è fatta avanti per gestire il coordinamento delle bonifiche, ma a precise condizioni.
Ora tutto è legato alla decisione del TAR

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteSalò, 20enne si ribalta con l’auto. Se la cava con lievi ferite
Articolo successivo19enne in bus dalla Spagna con 6 kg di marijuana. Arrestato