La città costiera di Xiamen, nella provincia del Fujian, nella Cina orientale, ha registrato un aumento nel proprio commercio con i Paesi BRICS del 26,3% su base annua per raggiungere 76,46 miliardi di yuan (circa 10,67 miliardi di dollari) nei primi 10 mesi del 2022, secondo le dogane di Xiamen.

BRICS è l’acronimo che indica un blocco di mercati emergenti che raggruppa Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa.

Le esportazioni di Xiamen verso i Paesi BRICS sono state pari a 23,44 miliardi di yuan da gennaio a ottobre, in aumento del 27,2% su base annua, e le sue importazioni dai BRICS sono state pari a 53,02 miliardi di yuan, in aumento del 26%.

Telegram

Le importazioni e le esportazioni della città con il Sud Africa e il Brasile hanno mantenuto una rapida crescita. Il suo commercio con i due Paesi ha raggiunto 11,27 miliardi di yuan e 23,37 miliardi di yuan, in aumento rispettivamente del 31,1% e del 18,8%.

Le principali merci importate durante il periodo includevano minerali metallici, sabbie minerali, carbone e lignite e prodotti agricoli. Le principali esportazioni comprendevano prodotti meccanici ed elettrici, nonché beni ad alta intensità di manodopera. (Xin) © Xinhua

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCina: record di permanenza nello spazio del taikonauta Chen Dong
Articolo successivoCina: Fujian, rinvenuti rari fossili di impronte di dinosauro