L'indice dei prezzi al consumo (CPI) della Cina, un importante indicatore dell'inflazione, è aumentato dell'1% su base annua a febbraio, ha riferito oggi l'Ufficio nazionale di statistica (NBS). Il dato è inferiore rispetto all'aumento del 2,1% registrato a gennaio, secondo un comunicato dell'NBS. Su base mensile, i prezzi al consumo sono diminuiti dello 0,5%, invertendo l'aumento dello 0,8% del mese precedente. Dong Lijuan, statistico dell'NBS, ha attribuito l'inflazione moderata al calo della domanda di mercato dopo la vacanza della Festa di primavera che cade a gennaio, e all'ampia offerta di beni. Rispetto a gennaio, i prezzi dei prodotti alimentari, in particolare quelli della carne suina e delle verdure, alimenti di base, hanno svolto il ruolo principale nel trainare al ribasso il livello generale dei prezzi. Anche i prezzi dei beni non alimentari sono diminuiti, con un calo dei costi di viaggi, biglietti del cinema e servizi che vanno dai parrucchieri alla pulizia della casa. Il mese scorso, il CPI core del Paese, al netto dei prezzi di prodotti alimentari ed energetici, è aumentato dello 0,6% rispetto a un anno fa, in calo rispetto all'1% registrato a gennaio, ha dichiarato Dong. I dati dell'NBS hanno inoltre mostrato che l'indice dei prezzi alla produzione cinese, che misura i costi delle merci all'ingresso della fabbrica, è diminuito dell'1,4% su base annua ed è rimasto invariato su base mensile a febbraio.
Demo banner - Articolo top+bottom desktop

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) della Cina, un importante indicatore dell’inflazione, è aumentato dell’1% su base annua a febbraio, ha riferito oggi l’Ufficio nazionale di statistica (NBS).

Il dato è inferiore rispetto all’aumento del 2,1% registrato a gennaio, secondo un comunicato dell’NBS. Su base mensile, i prezzi al consumo sono diminuiti dello 0,5%, invertendo l’aumento dello 0,8% del mese precedente.

Dong Lijuan, statistico dell’NBS, ha attribuito l’inflazione moderata al calo della domanda di mercato dopo la vacanza della Festa di primavera che cade a gennaio, e all’ampia offerta di beni.

Demo banner - Articolo top+bottom desktop

Rispetto a gennaio, i prezzi dei prodotti alimentari, in particolare quelli della carne suina e delle verdure, alimenti di base, hanno svolto il ruolo principale nel trainare al ribasso il livello generale dei prezzi. Anche i prezzi dei beni non alimentari sono diminuiti, con un calo dei costi di viaggi, biglietti del cinema e servizi che vanno dai parrucchieri alla pulizia della casa.

Il mese scorso, il CPI core del Paese, al netto dei prezzi di prodotti alimentari ed energetici, è aumentato dello 0,6% rispetto a un anno fa, in calo rispetto all’1% registrato a gennaio, ha dichiarato Dong.

I dati dell’NBS hanno inoltre mostrato che l’indice dei prezzi alla produzione cinese, che misura i costi delle merci all’ingresso della fabbrica, è diminuito dell’1,4% su base annua ed è rimasto invariato su base mensile a febbraio. (Xin) © Xinhua

Demo banner - Articolo top+bottom desktop

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteBrescia affonda in laguna. Dominio dei padroni di casa
Articolo successivoFuori strada col suv. Un’altra giovane vittima nel bresciano