Nonostante il freddo pungente, a un’altitudine di circa 4.500 metri sul “tetto del mondo”, alcuni lavoratori sono stati impegnati nell’installazione di pannelli fotovoltaici (FV).

Con l’accensione dell’ultimo modulo, il progetto di generazione di energia fotovoltaica da 120.000 kW nella città di Nagqu, nella regione autonoma del Tibet, nel sud-ovest della Cina, è entrato in funzione il 25 dicembre.

Hu Chunqing, un manager della filiale tibetana di Huadian New Energy Group Co., Ltd., ha affermato che più di 1.000 lavoratori hanno impiegato solamente 90 giorni per completare il progetto, portando più calore e luce ai cittadini nel nord del Tibet durante il freddo inverno.

Essendo il più grande progetto di generazione di energia fotovoltaica del Tibet, si prevede che contribuirà a ridurre 219.600 tonnellate di emissioni di anidride carbonica, l’equivalente di 76.300 tonnellate di carbone standard, ogni anno.

Konggar, un addetto alla manutenzione lungo l’autostrada Qinghai-Tibet di stanza su un passo di montagna, ha riferito che, poiché la sua stazione era troppo lontana per essere coperta dalla rete statale, doveva fare affidamento su un generatore di corrente, che era sia costoso che instabile nella fornitura di energia.

“Con il progetto messo in atto, non ci preoccupiamo più del problema energetico”, ha affermato Konggar.

Con abbondanti risorse solari, idriche ed eoliche, negli ultimi cinque anni il Tibet ha accelerato lo sviluppo dell’energia pulita.

A novembre, il Tibet ha iniziato a costruire un progetto per la generazione di energia fotovoltaica distribuito sui tetti a livello di contea, il primo del suo genere nella regione.

Sempre a novembre, è entrato in funzione un progetto idroelettrico da 1,2 milioni di kW al confine tra il Tibet e la provincia del Sichuan, la prima centrale idroelettrica lungo il corso superiore del fiume Jinsha.

Secondo il piano quinquennale dal 2021 al 2025 della regione, il Tibet faciliterà lo sviluppo della produzione di energia fotovoltaica e la capacità totale installata nella regione dovrebbe superare i 10 milioni di kW entro il 2025.

“Lo sviluppo di energia pulita mostra che ‘acque limpide e montagne rigogliose sono risorse inestimabili’, nonché l’armoniosa coesistenza di umanità e natura in Tibet”, ha affermato Chen Pu, vice direttore dell’istituto di strategia economica dell’Accademia tibetana delle scienze sociali. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCina: tutte le stazioni sciistiche nello Xinjiang sono state aperte
Articolo successivoCina: Tesla inizia a consegnare due nuovi modelli