L'investimento in immobilizzazioni della Cina è cresciuto del 5,8% su base annua nei primi dieci mesi di quest'anno, con investimenti in industrie high-tech che continuano a registrare una rapida crescita, secondo i dati odierni dell'Ufficio nazionale di statistica (NBS). L'investimento in immobilizzazioni da gennaio a ottobre è ammontato a 47.150 miliardi di yuan (circa 6.700 miliardi di dollari), ha riferito l'Ufficio in un comunicato. La crescita è rallentata dall'aumento del 5,9% registrato nei primi tre trimestri dell'anno. A ottobre, l'investimento è aumentato dello 0,12% rispetto a settembre. Da gennaio a ottobre, l'investimento in immobilizzazioni del settore privato è cresciuto dell'1,6% rispetto allo scorso anno, a 25.840 miliardi di yuan. Gli investimenti in infrastrutture e produzione hanno guadagnato rispettivamente l'8,7% e il 9,7% su base annua durante il periodo. Gli investimenti nello sviluppo immobiliare sono diminuiti dell'8,8% su base annua nel periodo. I dati dell'NBS hanno mostrato che le industrie high-tech cinesi hanno continuato a registrare un'enorme espansione degli investimenti in immobilizzazioni nei primi 10 mesi, con quelli nei settori manifatturiero e dei servizi high-tech che sono aumentati rispettivamente del 23,6% e del 14% anno su anno. In particolare, gli investimenti nei sottosettori della produzione di apparecchiature elettroniche e di comunicazione e dei servizi di ricerca e progettazione sono aumentati rispettivamente del 28,7% e del 22,5%. La Cina ha lanciato quest'anno una serie di misure a favore degli investimenti. Ad esempio, i governi locali a livello nazionale hanno accelerato l'uso di obbligazioni speciali per catalizzare gli investimenti. Secondo i dati del ministero delle Finanze, nei primi tre trimestri di quest'anno sono stati emessi oltre 3.540 miliardi di yuan di nuovi titoli di governi locali per scopi speciali.
Telegram

L’investimento in immobilizzazioni della Cina è cresciuto del 5,8% su base annua nei primi dieci mesi di quest’anno, con investimenti in industrie high-tech che continuano a registrare una rapida crescita, secondo i dati odierni dell’Ufficio nazionale di statistica (NBS).

L’investimento in immobilizzazioni da gennaio a ottobre è ammontato a 47.150 miliardi di yuan (circa 6.700 miliardi di dollari), ha riferito l’Ufficio in un comunicato.

La crescita è rallentata dall’aumento del 5,9% registrato nei primi tre trimestri dell’anno. A ottobre, l’investimento è aumentato dello 0,12% rispetto a settembre.

Telegram

Da gennaio a ottobre, l’investimento in immobilizzazioni del settore privato è cresciuto dell’1,6% rispetto allo scorso anno, a 25.840 miliardi di yuan.

Gli investimenti in infrastrutture e produzione hanno guadagnato rispettivamente l’8,7% e il 9,7% su base annua durante il periodo. Gli investimenti nello sviluppo immobiliare sono diminuiti dell’8,8% su base annua nel periodo.

I dati dell’NBS hanno mostrato che le industrie high-tech cinesi hanno continuato a registrare un’enorme espansione degli investimenti in immobilizzazioni nei primi 10 mesi, con quelli nei settori manifatturiero e dei servizi high-tech che sono aumentati rispettivamente del 23,6% e del 14% anno su anno.

In particolare, gli investimenti nei sottosettori della produzione di apparecchiature elettroniche e di comunicazione e dei servizi di ricerca e progettazione sono aumentati rispettivamente del 28,7% e del 22,5%.

La Cina ha lanciato quest’anno una serie di misure a favore degli investimenti. Ad esempio, i governi locali a livello nazionale hanno accelerato l’uso di obbligazioni speciali per catalizzare gli investimenti.

Secondo i dati del ministero delle Finanze, nei primi tre trimestri di quest’anno sono stati emessi oltre 3.540 miliardi di yuan di nuovi titoli di governi locali per scopi speciali. (Xin) © Xinhua

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteOk School, il 16 e 17 dicembre torna “belli dentro e fuori”
Articolo successivoFerrovia Cina-Thailandia: aspettative per maggiore connettività