Con l’inizio della stagione dello sci di quest’anno, Liu Zhihua si è unita alla folla in una stazione sciistica ed è scesa fluidamente lungo la pista. Dopo una breve pausa, ha curvato rapidamente, è salita su una seggiovia ed era pronta per un altro giro.

Liu è diventata una stella nella stazione a Urumqi, capoluogo della regione autonoma dello Xinjiang Uygur, nella Cina nord-occidentale. Vestita con la sua tuta azzurra e l’elmetto bianco, si confonde tra gli altri entusiasti dello sci, ma in realtà è la sciatrice più anziana della stazione all’età di 87 anni.

Anche se ora è un’abile sciatrice, Liu ha iniziato a dedicarsi allo sport solo all’età di 72 anni. Sino a quel momento, come molte persone anziane, trascorreva le sue giornate accudendo i suoi nipoti, guardando la televisione o giocando a mahjong.

Incoraggiata dai suoi figli, Liu è scesa in pista per la primissima volta nel 2007. “Il primo giorno non è stato facile. La vita e le gambe mi dolevano. Nei giorni successivi, però, ho imparato a camminare sugli sci”, ricorda Liu. “Dopo aver superato la paura di cadere, mi sono interessata sempre più e col passare del tempo mi sono appassionata”.

Iniziando sulle piste per principianti, Liu è gradualmente avanzata ai tracciati intermedi, ed è persino arrivata a quelli avanzati.

“Ho partecipato due volte a una gara. Non l’ho fatto per una medaglia. Portare a termine la gara senza cadere per me è sufficiente”, ha dichiarato.

Quando le è stato chiesto in quali ostacoli si sia imbattuta durante i suoi anni di sci, Liu ha ricordato di essere caduta mentre scendeva lungo una pista a causa dell’inesperienza. “Ma l’abilità giunge dalla pratica. Basta farci l’abitudine”, ha dichiarato.

Per Liu, sciare è anche un modo di mantenersi giovane e vitale. Pur essendo l’appassionata di sci più anziana della stazione, pensa di essere vigorosa quanto gli sciatori giovani. “Nessuno può indovinare la tua età quando tutti indossano la tuta da sci, e con i berretti da sci e gli occhiali”, ha detto Liu con un sorriso.

Mentre la sua passione per lo sport alpino si sviluppa, anche il settore sta guadagnando slancio nello Xinjiang. Luogo di mete turistiche invernali come Urumqi, Altay e Ili, la regione ora è diventata un paradiso per gli amanti degli sport invernali.

Urumqi, che si classifica al primo posto in Cina in termini di differenze di latitudine, temperatura ed elevazione delle sue piste, è stata elencata tra le prime 10 città del turismo invernale per sei anni consecutivi.

Negli ultimi tempi, Liu scia per circa due ore alla volta sotto la tutela dei suoi istruttori. Anche se scia meno frequentemente che negli anni precedenti, Liu è decisa a proseguire più a lungo possibile. “Preferisco cadere su una pista che giacere su un letto malata”, ha detto Liu.

“La salute e la felicità sono le due cose che praticare lo sport mi ha portato”. ha detto. “Non credo che l’età abbia molto a che fare con il mio atteggiamento mentale. Vecchia o giovane, sono sempre stata coraggiosa e ottimista”. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteComunità energetiche, Barucco: “entro gennaio i decreti attuativi”
Articolo successivoNairobi: 50 mila veicoli al giorno in autostrada costruita dalla Cina