Più di 680 frammenti di statue di Buddha e sculture di pagode sono stati dissotterrati nelle rovine di un antico mercato a Xi’an, nella provincia cinese nord-occidentale dello Shaanxi.

Le statue sono state scoperte in una fossa nelle rovine del Mercato Orientale, un importante centro commerciale durante la Dinastia Tang (618-907).

Le statue di Buddha erano realizzate in argilla, ceramica e pietra, e la maggior parte di esse era stata danneggiata, ha dichiarato Han Jianhua, dell’Istituto di archeologia sotto l’Accademia cinese delle Scienze sociali, aggiungendo che le statue sono state imballate e spostate altrove per una migliore protezione e per ulteriori ricerche.

Molte delle statue di Buddha sono decorate con disegni colorati ed elementi dorati, che costituivano uno stile unico di arte buddhista durante la Dinastia Tang.

Secondo le ipotesi di Han, le statue potrebbero essere collegate a un tempio buddhista o al magazzino di un negozio posizionati sulla strada.

Nelle rovine del Mercato Orientale gli archeologi hanno trovato anche vie, canali di scolo e fondamenta di abitazioni, oltre a un gran numero di reliquie culturali della Tang Dynasty, incluse ciotole tricolori.

Le rovine del mercato sono state rinvenute alla fine degli anni Cinquanta. Con un’area di circa un chilometro quadrato, il sito è lungo più di mille metri e largo 924 metri. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteIl Natale con gli anziani del Cdq Lamarmora e Primo Maggio
Articolo successivoCina: esportazioni di auto in crescita a novembre