Sarà Marcel Jacobs venerdì 10 febbraio 2023, in piazza della Loggia ad inaugurare “Light is Life, Festa delle Luci A2A” in uno spettacolo che si annuncia “emozionale, dove luci e tecnologie faranno vivere in modo insolito la bellezza e la storia della città.

Light is Life. Festa delle Luci A2A, è stato organizzato nell’ambito delle manifestazioni in calendario per “Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023”.

La manifestazione, che si terrà da venerdì 10 a domenica 26 febbraio 2023 illuminerà Brescia dal 10 al 19 febbraio e Bergamo dal 17 al 26 febbraio: “le due città – si legge nella presentazione di A2A – diventeranno vere e proprie gallerie d’arte a cielo aperto grazie alla presenza delle più significative opere di prestigiosi artisti nazionali e internazionali, tra cui 6 special guest – Angelo Bonello, Chila Kumari Burm, Marco Lodola, Federica Marangoni, Ivan Navarro e Oliver Ratsi.

La direzione artistica del festival è affidata ad Angelo Bonello, light artist di fama mondiale e fondatoredi Kitonb Creative Studio, e Pam Toonen, LAC – Light Art Collection Exhibit curator di Amsterdam.

L’evento, gli artisti e le opere

Da Piazza della Loggia il percorso del festival accompagnerà il pubblico verso il Capitolium, dove collocata la prima installazione luminosa: una scultura ispirata alla celebre Vittoria Alata rivisita chiave contemporanea, appositamente studiata per creare un dialogo di contrasti con le architetture classiche del luogo. L’opera, dal titolo “Vittoria Trasfigurata”, è una creazione inedita di Angelo Bonello.

Superato il Capitolium, lo spettatore raggiungerà il cuore dell’evento bresciano, il Castello sul colle Cidneo: all’interno dell’area del Castello sarà disegnato un percorso con 14 installazioni luminose.

Una volta varcata la soglia si avrà l’impressione di entrare in un mondo fantastico, quasi onirico, dove la luce e i colori saranno i protagonisti indiscussi della notte.

Tra le opere che animeranno il Cidneo ci sarà l’installazione “Hello Goodbye” di Marco Lodola, uno degli artisti contemporanei italiani più celebri e influenti, nonché uno dei fondatori e dei maggiori esponenti del Movimento del Nuovo Futurismo: l’opera è un saluto ai marinai, ai viaggiatori, a chi se ne va lontano e a chi arriva, desideroso di riscoprire la propria terra.

Il Castello, inoltre, accoglierà “Storie di luce”, un progetto corale di opere luminose realizzate dagli studenti delle due Accademie d’Arte della città – SantaGiulia e LABA – sul tema “Risorgimento: una storia comune”, inteso non soltanto come periodo storico, ma anche come metafora della rinascita delle due città.

L’iniziativa sarà coordinata dall’associazione culturale Cieli Vibranti. Gli studenti inoltre raccoglieranno alcune testimonianze vocali che andranno a costituire l’opera “Le cose che non si possono dimenticare”.

Nel cortile del mastio sarà allestita l’opera “Remembering a Brave New World” dell’artista britannica Chila Kumari Burman, una straordinaria installazione site-specific in technicolor con un chiaro richiamo alla mitologia, a Bollywood, al femminismo radicale, all’attivismo politico e ai ricordi di famiglia.

Angelo Bonello, direttore artistico dell’intero festival, porterà a Brescia altre due opere: “Big ballerina”, una ballerina classica intesa come icona di bellezza ed eleganza esteriore, ma anche emblema della dura disciplina necessaria per avvicinarsi a un ideale di perfezione che costa sacrificio, e “Run Beyond”, un’opera che, attraverso le sagome luminose di un uomo che si prepara a spiccare un salto, invita gli osservatori a superare i propri limiti e ad abbracciare con fiducia ogni sfida.

Infine, la luce toccherà anche il Termoutilizzatore di A2A: durante tutta la durata del festival la sua torre dalla caratteristica colorazione azzurra cangiante, progettata da Jorrit Tornqvist, sarà illuminata di blu e avrà sulla sommità uno skylaser puntato verso il Castello.

Ma l’avventura di Light is Life non si concluderà a febbraio, a primavera la light art tornerà protagonista a Montisola, cuore del Lago di Iseo e punto di unione delle due province, ricordata da molti anche per il felice connubio tra territorio e arte contemporanea, realizzato nel 2016 attraverso la straordinaria installazione di Christo “The floating piers”.

Michelangelo Pistoletto e il suo Terzo Paradiso dell’Energia a Montisola

Nella primavera del 2023, come omaggio a Brescia e Bergamo Capitale Italiana della Cultura 2023, il Maestro Michelangelo Pistoletto e la Fondazione Cittadellarte creeranno la prima installazione Terzo Paradiso dell’Energia’, a Montisola, grazie al sostegno del Banco dell’Energia.

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteL’An affronta Ferencvaros, Bovo: “Abbiamo voglia di rifarci”
Articolo successivoScienziati cinesi e neozelandesi: viaggio nella fossa delle Kermadec