Telegram
Telegram

“È una situazione ormai ingestibile. Se il governo non proclamerà lo Stato di emergenza per Lampedusa lo farò io. L’hotspot non è più in grado di accogliere migranti, la responsabilità di questa emergenza non può ricadere sul sindaco, sull’amministrazione comunale e sui lampedusani”. Così il sindaco di Lampedusa Totò Martello commenta l’ultima raffica di sbarchi nell’isola (altri tre nelle ultime ore) e la situazione nell’hotspot dell’isola dove si trovano in questo momento oltre mille migranti, dieci volta la capienza massima prevista.

“Oggi non ci saranno trasferimenti in traghetto verso Porto Empedocle – sottolinea il sindaco – e intanto i barchini provenienti dalla Tunisia stanno continuando ad approdare sull’isola”.  In questo momento sulla banchina si trovano una cinquantina di migranti ancora in attesa che venga deciso dove saranno smistati.

Nella notte, stando a quanto scrive Repubblica, 110 migranti sono stati soccorsi da un mercantile italiano, il Cosmo, altri 70 che viaggiavano su un gommone vicino intercettati da una motovedetta libica e riportati indietro. Dopo ore di richieste di aiuto alle autorità maltesi e italiane si è conclusa così la vicenda dei due gommoni che ieri pomeriggio avevano lanciato la richiesta di aiuto al centralino Alarm Phone. Erano in zona Sar maltese e nessuno li soccorreva. Ora un terzo gommone con 56 persone a bordo attende i soccorsi.

Telegram
Telegram
Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteDesenzano: si tuffa nel lago e non riemerge. Ricerche in corso
Articolo successivoIncidente a Cigole, sul posto anche l’elisoccorso