Telegram
Telegram

È necessario garantire la difesa del popolo e della nostra sovranità territoriale della Russia e quindi dobbiamo introdurre una mobilitazione parziale. Lo ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, nel corso di un messaggio alla nazione. “La leva riguarderà solo i riservisti e innanzitutto coloro che hanno già svolto servizio nelle forze armate e che hanno quindi preparazione ed esperienza. Prima di essere inviati al fronte i militari svolgeranno ulteriore addestramento”, ha detto Putin. “La mobilitazione inizierà oggi, mercoledì 21 settembre”, ha aggiunto.

Nella sua politica aggressiva l’Occidente ha superato ogni limite: a chi minaccia con armi nucleari è bene ricordare che anche la Russia è dotata di tali armamenti, ha proseguito. “I politici occidentali nella loro politica irresponsabile non parlano solo di forniture di armi occidentali e ci sono attacchi terroristici che sono già in corso”, ha detto Putin. “Alcuni eminenti figure della Nato hanno parlato della possibilità di utilizzare contro la Russia armi di distruzione di massa. A loro ricordo quanto segue: anche il nostro Paese possiede queste armi. Il vento può girare anche nella loro direzione”, ha affermato il presidente russo.

Lo scopo dell’Occidente è indebolire, dividere e distruggere la Russia. “Dicevano nel 1991 che avrebbero dissolto l’Unione sovietica e ora è il momento della Federazione russa”, ha detto Putin. “Le élite occidentali vogliono mantenere il loro dominio a livello internazionale”, ha proseguito. “La decisione di avviare l’operazione militare speciale in Ucraina è stata inevitabile e le repubbliche popolari del Donbass sono state quasi totalmente liberate dai neonazisti”, ha affermato il presidente russo.

Telegram
Telegram

La Russia farà tutto il possibile per garantire un “corretto svolgimento dei referendum” di annessione che si terranno nelle repubbliche popolari di Donestk e Luhansk e nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia. “Faremo di tutto per garantire un ambiente sicuro per lo svolgimento di referendum in modo che i residenti possano esprimere la loro volontà“, ha affermato il presidente russo, secondo cui questi territori “storicamente parte della Russia” non vogliono più restare sotto il giogo di Kiev. L’Ucraina ha abbandonato apertamente i piani di risolvere il conflitto nel Donbass in via pacifica e ha annunciato l’intenzione di ottenere delle armi nucleari. Ciò, ha detto Putin, “potrebbe provocare un attacco diretto alla Crimea”, ha spiegato Putin. “Forze la composizione pacifica non andava bene all’Occidente e quindi è stato dato un ordine diretto di far saltare tutti gli accordi”, ha proseguito il presidente.

“È stato installato un regime di repressione in tutta l’Ucraina dopo il colpo di Stato armato del 2013 e la politica del terrore ora sta diventando sempre più estesa”, ha spiegato il capo dello Stato russo”. “Gli abitanti delle zone liberate, tuttavia, non vogliono rinunciare alla liberazione e questo vale anche per le regioni di Kherson e Zaporizhzhia”, ha detto Putin.

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCovid: a Brescia 731 contagi, in Lombardia 5.570
Articolo successivoRigsave Capital con Esports: sul territorio, vicino ai giovani