Telegram

“Bullismo e cyberbullismo rimangono una delle minacce più temute tra gli adolescenti, dopo droghe e violenza sessuale. Ragazzi e ragazze non si sentono al sicuro sul web e dopo il cyberbullismo, è il Revenge porn a fare più paura, soprattutto tra le ragazze”.
È la fotografia scattata dall’Osservatorio Indifesa, realizzato nel corso del 2020.


Una realtà raccontata direttamente dai ragazzi,6.000 adolescenti, dai 13 ai 23 anni, provenienti da tutta Italia.
L’Osservatorio ha pubblicato questi dati alla vigilia del 7 febbraio, la Giornata internazionale contro il bullismo e del 9 febbraio, il Safer internet day.

“Il 68% di loro dichiara di aver assistito ad episodi di bullismo, o cyberbullismo, mentre ne è vittima il 61%”.

Telegram

Ragazzi e ragazze esprimono sofferenza “per episodi di violenza psicologica subita da parte di coetanei (42,23%) e in particolare il 44,57% delle ragazze segnala il forte disagio provato dal ricevere commenti non graditi di carattere sessuale on line”.
Dall’altro lato “l’8,02% delle ragazze ammette di aver compiuto atti di bullismo, o cyberbullismo, percentuale che cresce fino al 14,76% tra i ragazzi”.

Tra i partecipanti alla rilevazione “6 su 10 dichiarano di non sentirsi al sicuro on line. Sono le ragazze ad avere più paura, soprattutto sui social media e sulle app per incontri, lo conferma il 61,36% di loro”. Tra i rischi maggiori sia i maschi sia le femmine pongono “al primo posto il cyberbullismo (66,34%), a seguire per i ragazzi spaventa di più la perdita della propria privacy (49,32%) il Revenge porn (41,63%) il rischio di adescamento da parte di malintenzionati (39,20%) stalking (36,56%) e di molestie online (33,78%)”.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!