Ingresso del primo giorno di scuola
Telegram

Calano ancora i casi di Covid-19 nelle scuole regionali, e anche nel bresciano. Sono infatti 477 (1.069 una settimana fa) le classi in quarantena attualmente tra scuola dell’infanzia e nido, primaria (elementari), medie e superiori. Sono invece 4.922 (11.134 sette giorni fa) gli alunni a casa e 187 (433 la scorsa settimana) gli operatori scolastici coinvolti.

Sono i numeri di questa settimana, forniti dal report di monitoraggio della regione Lombardia. Dati appunto che scendono rispetto al monitoraggio degli scorsi sette giorni. Ecco lo specifico per la provincia di Brescia.

Scuola dell’infanzia e nido:

Telegram
  • 109 classi;
  • 1.329 alunni;
  • 137 operatori scolastici.

Scuola primaria (elementari):

  • 160 classi;
  • 1.651 alunni;
  • 45 operatori scolastici.

Scuola secondaria di primo grado (medie):

  • 114 classi;
  • 1.064 alunni;
  • 3 operatori scolastici.

Scuola secondaria – secondo grado (superiori):

  • 94 classi;
  • 878 alunni;
  • 2 operatori scolastici.

Le parole

“Anche i risultati dell’ultimo report confermano un risultato in costante miglioramento per quanto concerne il trend dei contagi”, ha commentato la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti.

“E’ una fotografia che permette a studenti e docenti di avviarsi verso la fase decisiva dell’anno scolastico con ulteriore e rinnovata fiducia, soprattutto per quanto concerne la didattica in presenza e tutte quelle condizioni più favorevoli che saranno fondamentali per gli studenti che dovranno affrontare gli esami di fine anno. Ma penso anche alla rinnovata serenità di tante famiglie che potranno così affrontare senza le preoccupazioni delle scorse settimane la loro quotidianità lavorativa” , ha concluso Moratti.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteBrescia: pace tra Cellino e Inzaghi, avanti insieme
Articolo successivoDati ancora in calo e positività all’8,9% in regione