Restart
Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
Telegram
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
6chic | grafica . internet . stampa . visual

Si avvicina il 15 novembre, termine ultimo per fare il cosiddetto “cambio delle gomme” e passare così dagli pneumatici estivi a quelli invernali.

Questa norma vale tanto per le automobili quanto per i mezzi pesanti e consente a tutti gli utenti di anticipare il cambio fino al 15 ottobre. In molti si saranno già messi in regola, ma se siete un po’ ritardatari attenzione perché più si avvicina la data definitiva e più sarà difficile trovare posto libero dal proprio gommista di fiducia.

L’obbligo delle gomme anti-neve dura di norma fino al 15 aprile dell’anno successivo, con una deroga analoga alla precedente per lo smontaggio: limite massimo il 15 maggio.

Demo banner - Articolo top+bottom desktop
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
Telegram
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart

Bisogna montare gomme imvernali laddove l’ente gestore della strada abbia emesso la specifica ordinanza, in poche parole dove viene segnalato con i cartelli l’obbligo di avere a bordo le catene da neve.

Obbligo significa sanzione in caso di mancato rispetto delle regole. Gli importi delle multe possono variare da un minimo di 42 euro nei centri abitati fino a 173 euro, e da un minimo di 87 euro, fino ad arrivare a 345 euro per quanto riguarda le zone fuori centri abitati e autostrade.

Un conducente sorpreso senza pneumatici adeguati o catene viene obbligato a fermarsi e a non proseguire la marcia senza la dotazione richiesta. Nel caso in cui si rifiuti di fermarsi si vedrà notificare un’ulteriore multa di 84 euro e la decurtazione di 3 punti dalla partente.

Il controllo periodico delle gomme è caldamente raccomandato anche dalla Polizia, poiché le gomme sono l’unico punto di contatto fra automobile e manto stradale, oltre ad essere il sostegno di tutto il peso della vettura. Garantiscono la tenuta di strada e una corretta frenatura, senza trascurare che pneumatici in ottime condizioni riducono anche le emissioni.

Pressione, bilanciatura e stato del battistrada (non deve essere inferiore a 1,6 mm o si rischia una sanzione di 87 euro) sono i capisaldi da tenere sempre presente, oltre al montaggio di una misura corretta per la propria autovettura. Per sicurezza dare uno sguardo la libretto.

Demo banner - Articolo top+bottom desktop
Restart
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Demo banner - Articolo top+bottom/Home mobile e Sidebar desktop/mobile 300x250
Telegram