Un progetto di generazione di energia fotovoltaica (FV) da 120.000 kilowatt è stato recentemente allacciato alla rete e ha iniziato a generare elettricità nella regione autonoma del Tibet della Cina sud-occidentale, secondo China Huadian Corporation Ltd., un importante produttore di energia statale.

Situato nel distretto di Seni nella città di Nagqu, che ha un’altitudine media di 4.500 metri, si tratta del più grande progetto di generazione di energia fotovoltaica con lo scopo di garantire la fornitura energetica ai cittadini del Tibet.

Con un investimento di 890 milioni di yuan (circa 128 milioni di dollari), il progetto può generare 247 milioni di kWh di elettricità all’anno. Permette di risparmiare 76.300 tonnellate di carbone standard e di ridurre 219.600 tonnellate di emissioni di anidride carbonica ogni anno, ha affermato la China Huadian Corporation.

Il progetto fornirà elettricità stabile per i locali e stimolerà lo sviluppo economico e sociale locale, ha aggiunto la cooperazione.

Negli ultimi anni il Tibet ha accelerato lo sviluppo di nuove fonti energetiche, come il fotovoltaico. Nel giugno 2022, la regione ha emanato un piano per garantire l’approvvigionamento elettrico durante questo inverno e la prossima primavera, nonché per il 14esimo piano quinquennale (2021-2025). Altri nuovi progetti di energia fotovoltaica inizieranno a generare elettricità successivamente. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteTamponi obbligatori per i passeggeri dalla Cina
Articolo successivoCina: nell’Heilongjiang si pratica la pesca sul ghiaccio