Telegram

Corruzione, falso e truffa aggravata. Sono le accuse a carico di tre persone che percepivano il reddito di cittadinanza senza averne diritto.
I tre, un uomo e una donna conviventi di origini comunitarie ed una donna italiana, rispettivamente di 27, 26 e 48 anni sono stati arrestati questa mattina dai Carabinieri di Brescia a Monza e Cesano Boscone, nel milanese.

Complessivamente la truffa generato un profitto di 19.030,00 euro, prelevati in soli 7 mesi, tramite l’utilizzo di 16 carte reddito di cittadinanza.

L’indagine, condotta dai Carabinieri bresciani e coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, è iniziata analizzando il contenuto degli smartphone dei due conviventi durante un’altra attività investigativa (conclusa nel novembre 2020 con il fermo di tre persone), nella quale erano coinvolti a vario titolo nel reclutamento di giovani lavoratori stranieri (anche minorenni) che venivano costretti a lavorare incessantemente senza retribuzione, sotto minaccia e violenza fisica. L’azione avveniva all’interno di un terreno agricolo occupato abusivamente nella zona industriale di Usmate Velate, in provincia di Monza Brianza, con attività di raccolta, smaltimento e recupero per la rivendita di “pallet”.

Telegram

I due conviventi avevano richiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza a nome di loro connazionali, totalmente ignari della richiesta, corrompendo la 48enne italiana, operatrice di sportello in un ufficio postale del milanese, con denaro o con regali come t-shirt, profumi e prodotti alimentari.

Oltre all’arresto i Carabinieri di Brescia hanno anche perquisito le abitazioni degli indagati e l’ufficio postale in questione.

Per l’uomo e la donna di origine comunitaria si sono aperte le porte del carcere, mentre per la 48enne italiana il Giudice ha disposto gli arresti domiciliari.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteFrode fiscale da oltre 90 milioni. In manette anche un giudice tributario
Articolo successivoInzaghi: “Teniamo un po’ più i piedi per terra tutti”