Demo banner - Articolo top+bottom desktop

Missioni di soccorso internazionali sono accorse in Turchia e in Siria dopo che violenti terremoti hanno colpito la regione la scorsa settimana causando quasi 40.000 morti, decine di migliaia di feriti e un numero imprecisato di persone intrappolato tra le macerie.

Al momento, secondo il ministero degli Esteri turco, oltre 9.000 cittadini stranieri provenienti da oltre 80 Paesi sono impegnati in operazioni di ricerca e soccorso e offrono assistenza umanitaria nella zona colpita dal terremoto.

Tra coloro che hanno organizzato sforzi straordinari di recupero c’è una squadra cinese di ricerca e soccorso composta da 82 membri, che finora ha tirato fuori sei sopravvissuti dalle macerie in una settimana, sfidando le probabilità.

Demo banner - Articolo top+bottom desktop

“Ci sono alcune differenze tra la ricerca e il salvataggio nella propria nazione e all’estero”, ha detto Zhao Yang, un membro del team che lavora nel distretto di Antakya, nella provincia meridionale di Hatay.

“In primo luogo, abbiamo bisogno di un quadro completo della situazione da parte delle autorità locali”, ha affermato. “In secondo luogo, dobbiamo lavorare con i team locali di risposta alle emergenze e capire come superare l’ostacolo linguistico”.

Infine, “le missioni di ricerca e soccorso in caso di terremoto richiedono molte risorse, che devono essere coordinate con le istituzioni locali”, ha aggiunto.

Volando per oltre 8.000 km su un volo charter di Air China verso il sud della Turchia, il team è arrivato mercoledì mattina della scorsa settimana insieme a quattro cani da soccorso e oltre 20 tonnellate di attrezzature per il soccorso, la comunicazione e scopi medici, inclusi rilevatori di vita che sondano le macerie alla ricerca di segni di sopravvissuti.

“Quando le squadre di ricerca e soccorso sono in missione in un Paese straniero, incontrano difficoltà tra cui l’acclimatamento alle difficili condizioni locali, la comunicazione con il personale locale che parla lingue diverse e la messa in sicurezza di veicoli e attrezzature”, ha affermato Zhao, aggiungendo che i volontari locali hanno “fornito assistenza significativa”.

Emir Kaan Karaman, uno studente volontario che vive a Istanbul, è stato incaricato dall’agenzia di gestione dei disastri del Paese come traduttore per la squadra cinese.

“Hanno mostrato la stessa dedizione che ci si aspetterebbe da un turco, proprio come qualcuno che cerca la propria famiglia [sotto le macerie]”, ha detto Karaman. “Stavano dando il massimo, non solo in termini di conoscenze tecniche, ma anche con il loro cuore”. (Xin) © Xinhua

Demo banner - Articolo top+bottom desktop

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa Svizzera accoglie nuovamente i viaggiatori cinesi
Articolo successivoBergamoBresciaWiFi: la nuova rete che unisce le città