In Italia sono 1,5 milioni i lavoratori poveri, in dieci anni 84 per cento in più, 690 mila in più in termini assoluti.

E’ uno dei dati che emerge dal rapporto di Censis e Ugl dal titolo “Tra nuove povertà e lavoro che cambia: quel che attende i lavoratori oltre il Covid-19”, presentato in occasione del primo maggio per la festa del lavoro. L’indagine parla di “un vero e proprio boom di nuova povertà da retribuzioni insufficienti”, segnalando in particolare che nel decennio sono triplicati i lavoratori in proprio poveri: +230 per cento per il mondo di partite Iva a basso potere contrattuale. Segna +75 per cento l’incremento di operai poveri, a cui si aggiunge l’impennata di povertà alta di quadri e impiegati (+113 per cento).

Secondo il rapporto, sono 2,9 milioni le persone componenti di famiglie povere in cui almeno una persona è occupata: c’è una quota di povertà generata o almeno non ammortizzata dalla scelta e possibilità dei loro membri di lavorare. Il lavoro tradisce la sua promessa: non emancipa più dalla povertà tutti i lavoratori. Guardando all’effetto pandemia, Censis e Ugl evidenziano che nel 2019-2020 gli occupati poveri segnano +269mila unità (+22 per cento). Tra i lavoratori in proprio i poveri sono aumentati del 48 per cento e tra gli operai del 22 per cento. “Come emerge dal Rapporto che abbiamo realizzato con il Censis, il mondo del lavoro è in continuo cambiamento e soprattutto in questo anno di pandemia i lavoratori sono stati costretti ad adattarsi ai mutamenti, a volte drammatici, che hanno creato sacche preoccupanti di povertà – spiega il segretario generale dell’Ugl Paolo Capone -. I cittadini necessitano di risposte concrete, il tessuto produttivo del nostro Paese ha bisogno di credito e liquidità per uscire dalla crisi. In tal senso, i fondi contenuti nel Recovery plan rappresentano un’opportunità storica per la ricostruzione economica del Paese”.

Per il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, “il pericolo maggiore per l’economia e la società italiana in questa fase è la letargia di troppi italiani, che sembrano voler restare rintanati in se stessi in una sorta di trance. Per incoraggiare lo sviluppo e andare oltre i disagi di questo periodo, come in altre fasi difficili, conteranno non tanto i piani superfinanziati, ma la vitalità ottimista inscritta nella chimica ordinaria della vita sociale, nella ritrovata quotidianità delle persone e delle comunità”. (Rin) © Agenzia Nova –

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteBcc Agrobresciano, l’assemblea dei soci. Scalvenzi “non abbiamo abbiamo fatto mancare il nostro sostegno”
Articolo successivo1° Maggio, Cgil Cisl e Uil all’Hub in Fiera e poi in piazza