Telegram

“Stelle di Natale AIL, ogni malato di leucemia ha la sua buona stella”. Oggi e domani, il 4-5 dicembre, ci sarà il tradizionale appuntamento nelle piazze italiane, con la solidarietà di AIL. Quest’anno saranno 4.300 le piazze, e sarà la 33° edizione:

QUI L’ELENCO DELLE PIAZZE NELLA PROVINCIA DI BRESCIA

L’evento è promosso dall’Associazione Italiana contro leucemie, linfomi e mieloma. Associazione che da più di 50 anni è al fianco dei pazienti ematologici e delle loro famiglie. Il contributo minimo associativo per ricevere la Stella di Natale è di 12 euro.

Telegram

Anche quest’anno, oltre alla tradizionale pianta natalizia, in molte piazze italiane verrà distribuita la dolce stella “Sogni di cioccolato” sempre a fronte di una donazione di 12€.

“AIL da sempre, e ora più che mai, mette al primo posto il paziente con diagnosi di tumore del sangue che è particolarmente fragile e delicato. I risultati negli studi scientifici e le terapie innovative sempre più efficaci e mirate hanno determinato un grande miglioramento nella diagnosi e nella cura dei pazienti ematologici, adulti e bambini. È necessario però continuare su questa strada e investire sempre più risorse nella Ricerca ematologica per raggiungere nuovi traguardi e rendere queste malattie sempre più guaribili”.

L’Ematologia bresciana in questo anno e mezzo di pandemia da Covid-19, attraverso i Centri di cura degli Spedali Civili di Brescia e anche grazie all’intensa opera dei circa 700 volontari di AIL BRESCIA, è stata in grado di garantire la continuità assistenziale e terapeutica. L’iniziativa Stelle di Natale AIL ha permesso in tanti anni di raccogliere significativi fondi destinati al finanziamento di progetti di ricerca scientifica e assistenza ed ha contribuito a far conoscere i progressi nel trattamento dei tumori del sangue.

I fondi raccolti da AIL Brescia saranno impiegati per: l’ampliamento del reparto di ematologia presso gli Spedali Civili di Brescia.

L’AMPLIAMENTO DEL REPARTO DI EMATOLOGIA PRESSO GLI SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

Il 2022 vedrà AIL Brescia impegnata in un nuovo grande progetto: l’ampliamento del reparto di
Ematologia degli Spedali Civili di Brescia. Questa ristrutturazione consentirà un aumento delle camere, che diverranno singole, tutte sullo stesso piano e con nuovi sistemi di areazione.

Oggi in ematologia la disponibilità di letti è minore rispetto alla richiesta e alcuni malati non
potendo essere seguiti presso il reparto al quarto piano, vengono spostati presso il reparto di
libera professione al sesto piano. Nel reparto di appoggio però non ci sono stanze a pressione
positiva, necessaria per espellere i germi all’interno delle stesse.

Una necessità che quotidianamente è percepita all’interno del reparto di Ematologia, dove le
infezioni, da virus, batteri o funghi, rappresentano il principale nemico da cui difendersi: quando le difese personali sono completamente assenti o ridotte a causa della stessa malattia o dei trattamenti necessari per combatterla, l’isolamento e tutti i presidi che possano creare una
barriera con l’ambiente esterno diventano l’arma di prevenzione più potente di cui si possa
disporre.

Inoltre, nel reparto di ematologia è presente un team di psicologhe, a disposizione dei pazienti
afferenti all’Unità di Ematologia e dei loro familiari, che con la nuova sistemazione potranno
meglio interagire con ciascun paziente in spazi più consoni al delicato momento di relazione e
colloquio.

L’intervento permetterà quindi ai malati di trascorrere il periodo di degenza in un ambiente più
confortevole, adatto alle cure cui verranno sottoposti quotidianamente e nel totale rispetto della
loro privacy. Un progetto ambizioso, di notevole impatto clinico, un regalo di AIL Brescia a tutti i pazienti ematologici che necessitino di terapie a elevata intensità o autotrapianto di cellule staminali.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteInzaghi e Stroppa, chi avrà la meglio?
Articolo successivoFerita chiama la Polizia, ma in casa coltiva marijuana