Telegram
Telegram

L’AN Brescia non riesce ad andare oltre il pareggio contro il Telimar Palermo e a certificare la compòleta uscita al momento complicato. Alla piscina comunale il risultato finale è 9-9 dopo un match intenso per tutti i tempi.

Nel primo quarto Christian Presciutti manda avanti i Campioni d’Italia grazie a un rigore dopo un minuto, ma la compagine palermitana non si demoralizza e trova il pareggio dopo 30 secondi grazie a Marziali. Sul finale Lazic firma il sorpasso dei leoni, ma un tiro dalla distanza di Del Basso fissa il risultato sul 2-2.

La seconda frazione vede il Telimar raddoppiare il risultato grazie ai gol prima di Basic e poi di Irving in superiorità numerica. Bovo e i suoi smuovono lo score a 2 minuti dalla fine con Dolce che sigla il 4-3, ma le calottine siciliane ancora con Irving vanno avanti di due. Botta e risposta poi tra l’americano e Dolce e a fine quarto il risultato vede il Telimar avanti 6-4.

Telegram
Telegram

Nel terzo tempo cresce ulteriormente l’AN Brescia che grazie alla doppietta di Lazic e i gol di Presciutti e Renzuto rifila un 4-0 di parziale ai padroni di casa volando sull’8-6.

Negli ultimi 8 minuti il Palermo prova a riaprirla con Basic che buca Tesanovic per il gol del meno uno, ma Renzuto a 6 minuti dalla fine batte Nicosia con un bel tiro da 4.

Nel finale di gara il Palermo con Turchini e Basic pareggia i conti. Tra le due squadre finisce 9-9.

“Ho visto una squadra fisicamente appesantita. Abbiamo iniziato male e poi l’abbiamo rimessa in piedi ma loro nel finale sono stati bravi – le considerazioni di Sandro Bovo – Sono arrabbiato con me stesso per l’espulsione perché sono uscito dalla partita. Sicuramente loro erano più in condizione di noi, ma ora torneremo al lavoro subito per migliorare”.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteBarbariga, alle 20.45 la fiaccolata “in cammino per la pace”
Articolo successivoSalvato deltaplanista bloccato sulla chioma di un albero