Telegram

Il comitato per i medicinali per uso umano dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha raccomandato di continuare a somministrare una seconda dose di Vaxzevria, il vaccino di AstraZeneca, tra 4 e 12 settimane dopo aver somministrato la prima, in linea con le informazioni sul prodotto. Inoltre, i benefici della vaccinazione aumentano con l’aumentare dell’età e dei tassi di infezione. Lo ha dichiarato il comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) che ha emesso oggi un altro parere provvisorio sul vaccino Vaxzevria, sviluppato da AstraZeneca.

Il Comitato ha analizzato i benefici del vaccino sviluppato da AstraZeneca e il rischio di coaguli di sangue insoliti con piastrine basse in diversi gruppi di età nel contesto dei tassi di infezione mensili. Le tre fasce di rischio sono: basso (55 per 100 mila persone), medio (401 per 100 mila persone) e alto (886 per 100 mila persone).

L’analisi ha esaminato la prevenzione di ricoveri, ricoveri in terapia intensiva e decessi dovuti a Covid 19, sulla base di diversi presupposti di efficacia del vaccino per contestualizzare l’insorgenza di questi insoliti coaguli di sangue, e ha dimostrato che i benefici della vaccinazione aumentano con l’aumentare dell’età e dei tassi di infezione. I dati disponibili in tutta l’Ue non erano sufficienti per fornire ulteriore contesto sui benefici e sui rischi in relazione al sesso.

Telegram
Telegram

L’Ema ha ribadito che il rapporto tra rischi e benefici resta positivo, per gli adulti in tutte le fasce d’età. Come per tutti i vaccini, Vaxzevria è approvato nell’Ue perché i suoi benefici superano i rischi per un individuo potenzialmente esposto all’agente che causa la malattia.

Tuttavia, le autorità nazionali in seguito considerano altri fattori quando decidono come utilizzare al meglio i vaccini. Poiché la vaccinazione è un intervento di sanità pubblica, le autorità nazionali potrebbero anche considerare i benefici per la popolazione nel suo insieme, poiché i vaccini possono proteggere più persone di quelle vaccinate. Ema ha infine spiegato che, sebbene questa analisi possa essere soggetta a modifiche non appena saranno disponibili nuovi dati, potrebbe guidare gli Stati membri dell’Ue quando adattano le loro strategie di vaccinazione a seconda dei tassi di infezione e dell’età delle persone che devono ancora essere vaccinate.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteIl Pnrr arriva in Consiglio dei ministri, Draghi: “Il 40% delle risorse andrà al Mezzogiorno”
Articolo successivoL’hub in fiera cresce, coperti tutti gli oltre 15.000 metri con le linee vaccinali