Telegram

È stato pubblicato oggi, lunedì 10 ottobre, sul sito del Comune di Brescia l’Avviso pubblico per la concessione di contributi a sostegno di progetti culturali nel territorio cittadino in occasione di Bergamo Brescia 2023.

QUI IN BANDO

Il bando stanzia 300mila euro in parte corrente per progetti che andranno ad arricchire il palinsesto delle attività a Brescia nell’anno della Capitale Italiana della Cultura e sono risorse che si aggiungono ai 250mila euro stanziati la scorsa estate con il bando destinato al sostegno di progetti culturali di prossimità.

Telegram

Le domande per questo avviso dovranno pervenire entro le 12 del 21 novembre 2022.

Soggetti destinatari

Possono chiedere il contributo organizzazioni private non aventi finalità di lucro, legalmente costituite già alla data del 31 dicembre 2021 con esperienza in ambito culturale. Il contributo può essere richiesto singolarmente o da più soggetti aggregati in rete, con un capofila che risulterà proponente e responsabile della proposta progettuale.

È ammessa la presentazione di una sola domanda in qualità di soggetto capofila.

Non possono presentare richieste di contributo i soggetti partecipati dal Comune di Brescia, che potranno partecipare in qualità di partner.

Coerenza con le linee programmatiche di BGBS 2023

I progetti candidabili che riguardano iniziative, manifestazioni e attività da tenersi nel territorio del Comune di Brescia, dovranno evidenziare una coerenza con la visione complessiva espressa nel Dossier di programmazione “La città illuminata”.

Tipologia

Le progettualità ammissibili potranno consistere in eventi singoli o rassegne inerenti allo spettacolo dal vivo, arti performative e arte cinematografica, in attività di laboratorio, aggregazione e inclusione sociale mediante attività culturali o altre tipologie di iniziative di riscoperta e valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale, al fine di arricchire l’offerta culturale di qualità della città.

Dimensionamento

Sono ammessi progetti che presentino costi pari ad almeno 25mila euro.

Incompatibilità

La candidatura a questo Avviso è incompatibile con la candidatura del medesimo progetto all’Avviso per la concessione di contributi a progetti culturali di prossimità pubblicato dal Comune di Brescia in data 15 luglio 2022 (scadenza 31 ottobre). Nel caso in cui per il medesimo progetto si presenti istanza ad entrambi gli Avvisi, la precedente domanda si considererà annullata.

Cumulo

Il contributo oggetto del bando non è cumulabile con altri contributi erogati dal Comune di Brescia per la medesima iniziativa; è invece cumulabile con altre forme di sostegno riconosciute da altri soggetti pubblici e/o privati.

Periodo di riferimento

Le iniziative dovranno svolgersi in spazi pubblici o privati aperti al pubblico, al chiuso o all’aperto, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2023.

Procedura ed entità del contributo. Procedura a graduatoria valutativa.

La domanda andrà presentata mediante modulistica compilabile in forma telematica.

Il contributo massimo erogabile per ogni progetto è pari a € 40.000,00.

Il contributo non potrà in ogni caso superare l’80% delle spese preventivate.

Valutazione delle domande

Al termine dell’istruttoria di ammissibilità formale svolta dagli uffici del settore Cultura, Musei e Biblioteche, le domande ritenute ammissibili saranno trasmesse ad una apposita Commissione, composta da soggetti in possesso di comprovata esperienza in materia culturale e presieduta da un dirigente del Comune di Brescia, che provvederà alla valutazione di merito dei progetti presentati e all’attribuzione di un punteggio per ciascuna proposta, fino a un massimo di 100 punti.

La valutazione di merito sarà svolta sulla base dei criteri di seguito riportati:

CARATTERISTICHE DI PROGETTO

  • Coerenza con le linee programmatiche espresse nel Dossier
  • BGBS2023
  • Qualità e originalità della proposta
  • Attrattività della proposta
  • Piano della comunicazione

CARATTERISTICHE ED ESPERIENZA DEL RICHIEDENTE/DEI SOGGETTI IN RETE

  • Struttura organizzativa
  • Capacità di cofinanziamento
  • Esperienza per manifestazioni analoghe

La somma dei punteggi assegnati dalla Commissione per ognuno dei criteri sopra definiti corrisponderà al punteggio finale attribuito ad ogni singolo progetto. Avranno diritto all’inserimento in graduatoria i progetti riportanti un punteggio totale minimo di 55 punti.

I contributi verranno assegnati seguendo l’ordine della graduatoria fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Agevolazioni

I progetti ammessi a contributo potranno usufruire delle seguenti agevolazioni:

– in caso di necessità di utilizzo di suolo pubblico, esenzione dal pagamento del canone per l’occupazione di suolo pubblico

– disponibilità di sale pubbliche a titolo gratuito, qualora necessario (è a cura del soggetto proponente la verifica della disponibilità e dell’adeguatezza dello spazio richiesto rispetto all’iniziativa proposta)

– esenzione dal pagamento del servizio di assistenza della vigilanza urbana, predisposta dal Settore Polizia Locale secondo necessità, compatibilmente con le esigenze del servizio.

Spese ammissibili e non ammissibili

Le spese documentate dovranno essere congruenti rispetto al progetto, intestate al capofila o ai partner, in coerenza con quanto stabilito a preventivo, ed effettuate con strumenti tracciabili ad essi giuridicamente riconducibili. Le spese dovranno essere sostenute nell’anno 2023.

Sono considerate spese ammissibili e rendicontabili:

– costi per il personale strutturato e non strutturato (personale dipendente, contratti di collaborazione, prestazioni professionali etc.)

– costi per il personale volontario (assicurazione, formazione se direttamente connesse all’iniziativa);

– spese per forniture e servizi direttamente connessi alla realizzazione dell’iniziativa (locazione spazi, utenze, service audio/video, materiali consumabili, noleggio e movimentazione materiali e attrezzature, acquisto beni di consumo, trasporti, servizi funzionali alla realizzazione del progetto, etc.);

– spese per attività di promozione e comunicazione (stampa e distribuzione di materiale promozionale, sito internet etc.);

– costi sostenuti per autorizzazioni, concessioni, permessi, adempimenti relativi a vincoli di sanità o

sicurezza, altri oneri necessariamente correlati allo svolgimento dell’iniziativa;

Sono considerate non ammissibili e saranno, nel caso, decurtate d’ufficio:

– spese non correlate alla realizzazione dell’iniziativa

– spese sostenute da e intestate a soggetti diversi dal capofila o dai partner;

– spese per l’acquisto di beni durevoli;

– spese per investimenti e manutenzioni ordinarie/straordinarie;

– spese per l’uso di locali/impianti di proprietà o nella disponibilità continuativa di proponenti o partner;

– spese bancarie e per interessi passivi e di mora;

– spese per multe e sanzioni;

– spese effettuate con metodi non tracciabili.

Acconto, rendicontazione e liquidazione dei contributi

Il contributo riconosciuto verrà liquidato al soggetto proponente/capofila, con disposizione del responsabile del procedimento, con le seguenti modalità:

– per il 50% dell’importo a titolo di acconto entro il mese di marzo 2023

– per la restante parte, entro 90 giorni dal ricevimento della richiesta di liquidazione a conclusione dell’iniziativa.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCantiere Tav, casello di Sirmione chiuso per sei mesi
Articolo successivoMotore, azione! Piazza Vittoria durante le riprese