La National Healthcare Security Administration (NHSA) della Cina ha affermato che ieri si sono conclusi i negoziati sui medicinali che devono essere coperti dal sistema nazionale di assicurazione medica cinese, con l’inclusione di altri due farmaci anti-Covid.

Durante i negoziati durati quattro giorni, tre farmaci anti-COVID, tra cui la combinazione antivirale Paxlovid di Pfizer, le compresse di Azvudine e un medicinale granulare a base di erbe sono stati oggetto di discussione, con gli ultimi due farmaci che sono stati inseriti nell’elenco, ha affermato un funzionario dell’NHSA.

Il Paxlovid non è stato incluso a causa della sua quotazione elevata, ha affermato il funzionario, aggiungendo che in base all’attuale politica, il sistema di assicurazione medica continuerà a rimborsare l’uso del Paxlovid fino alla fine di marzo.

Conclusi i negoziati, ci sono ora più di 600 tipi di farmaci per il trattamento di sintomi legati al Covid come febbre e tosse nel catalogo dei medicinali coperti dal sistema nazionale di assicurazione medica, stando al funzionario.

Nella fase successiva, l’amministrazione adeguerà ulteriormente il catalogo per ridurre efficacemente l’onere per i pazienti, ha affermato il funzionario, aggiungendo che i risultati finali della negoziazione del catalogo dovrebbero essere annunciati a breve. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteConfartigianato Brescia: “Il governo blocchi gli aumenti”
Articolo successivoCina: estate e autunno del 2022, i più caldi degli ultimi 60 anni