Al centro di cloud computing del parco industriale di Zhongwei, nella regione autonoma del Ningxia Hui, nella Cina nord-occidentale, il lavoro per ampliare un enorme complesso di dati e centri di cloud computing è in pieno svolgimento.

China First Metallurgical Group Co., Ltd. si occupa della progettazione e della costruzione del complesso che si estende su un’area di circa 3.530 ettari e sarà uno degli otto principali grandi centri dati integrati della Cina.

Nell’edificio n. 1 del complesso affittato da China Unicom, 1.500 server girano alla massima velocità giorno e notte su raggi di rack alti due metri nella sala computer.

“Manteniamo la temperatura interna a 23 gradi Celsius e l’umidità al 30%, in modo che i macchinari possano continuare a funzionare costantemente”, ha affermato Wang Jiaying, un dipendente di China Unicom responsabile della manutenzione delle attrezzature della sala.

Zhongwei, una città con circa 2.500 anni di storia, confina sia con il Fiume Giallo che con il Deserto del Tengger. La sua economia dipendeva quasi interamente dall’agricoltura.

Dopo che aziende come Amazon e MCC Meili Cloud Computing Industry Investment Co., Ltd. vi hanno istituito i loro centri operativi rispettivamente nel 2013 e nel 2016, il governo locale ha accelerato l’utilizzo delle risorse locali di energia verde e terra desertica per costruire un centro dati e di cloud computing a livello nazionale.

La politica della città di favorire le società di cloud computing è in linea con la strategia nazionale di spostare alcuni dati, cloud computing e infrastrutture di integrazione dei dati nelle regioni occidentali della Cina.

Il nascente cluster industriale del cloud computing, a sua volta, può aiutare la città a trasformarsi in un precursore dell’economia digitale.

“Zhongwei ha un buon ambiente di investimento complessivo e ha costi bassi per il funzionamento dell’azienda. Per questo, abbiamo scelto di aprire la nostra filiale in città”, ha affermato Yang Sichao, un dirigente che si occupa di investimenti dello Hotwon Group. L’azienda è un fornitore cinese di soluzioni per data center e realizzatore di ecosistemi di dati sostenibili.

Attualmente, sette società informatiche specializzate e 200 società collegate si sono stabilite nel centro di cloud computing. Zhongwei ha anche investito oltre 10 miliardi di yuan (circa 1,43 miliardi di dollari) per la sua ulteriore espansione.

La capacità operativa della base prevista è di 700.000 server in servizio, con una crescita annuale della capacità del 20%, secondo i funzionari locali.

“Possiamo lavorare per il 90% delle società di big data e cloud computing in tutto il Paese”, ha affermato Mai Yanzhou, vice presidente del governo regionale del Ningxia.

Un altro vantaggio che il Ningxia vanta in termini di sviluppo del settore del cloud computing sono le sue abbondanti risorse di energia verde, con campi fotovoltaici blu oceano che sono il suo nuovo tratto distintivo a livello geografico.

“Entro il 2025, il tasso di utilizzo dell’energia rinnovabile dovrebbe raggiungere il 65% nel Ningxia. Attualmente, Zhongwei ha già registrato un tasso di utilizzo dell’energia rinnovabile superiore al 97,6%”, ha affermato Hao Liuhu, vicedirettore della commissione per lo sviluppo e la riforma della regione. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteMala-movida al Carmine, il Cdq chiede un tavolo di lavoro
Articolo successivoCina: pubblicato piano per promuovere la medicina tradizionale cinese