Pechino ha pianificato di lanciare più di 4.000 eventi culturali dal 14 gennaio al 5 febbraio in occasione del capodanno lunare cinese, con spettacoli relativi al patrimonio culturale immateriale, fiere nei templi, allestimenti floreali, spettacoli artistici e mostre.

Secondo l’Ufficio municipale della cultura e del turismo di Pechino, alcune delle attività si terranno sia online che in presenza, consentendone la condivisione con il pubblico in Paesi tra cui Finlandia, Grecia, Canada e Belgio.

La Festa di Primavera, o capodanno lunare cinese, cade il 22 gennaio di quest’anno. Le vacanze pubbliche di una settimana sono caratterizzate da tradizioni cinesi come riunioni di famiglia, la scrittura di distici della Festa di Primavera e visite alle fiere nei templi.

Pechino, che vanta numerosi luoghi culturali, dovrebbe fornire vari palcoscenici per molti eventi culturali. Oltre ai teatri con una lunga storia, come il Chang’an Grand Theatre che risale al 1937 e il noto Mei Lanfang Theater, la città ha anche un numero crescente di piccoli teatri apprezzati dal pubblico più giovane.

La capitale cinese ha fissato l’obiettivo di trasformarsi in un polo per le arti dello spettacolo per offrire al pubblico opere più impressionanti, ha dichiarato Yin Yong, sindaco di Pechino, alla sessione annuale dell’Assemblea del popolo municipale di Pechino, che si è conclusa oggi.

“Pechino ospita i migliori artisti, compagnie artistiche e scuole del Paese. Per renderla una ‘città delle arti dello spettacolo’, dovremmo produrre più opere culturali di buon livello e spettacoli classici”, ha detto Batuu, capo del partito dell’Accademia di danza di Pechino. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa Cina pubblica un libro bianco sullo sviluppo verde nella nuova era
Articolo successivoLa “querelle sul bilancio”. Natali, “hanno ammesso le loro responsabilità”