La società privata cinese GalaxySpace sta accelerando la ricerca e lo sviluppo di satelliti impilabili piatti, per la costruzione rapida di una costellazione Internet satellitare.

GalaxySpace ha affermato che il design consente a dozzine di satelliti di essere impilati uno sopra l’altro come pc tablet e di essere lanciati contemporaneamente su un singolo razzo e può migliorare notevolmente l’efficienza d’uso di un razzo e abbreviare il periodo di costruzione di una costellazione.

Internet via satellite fornirà un’ampia connessione a banda larga con la tecnologia di comunicazione satellitare. Si tratta di utilizzare i satelliti nello spazio svolgendo il ruolo di stazione base a terra per la connessione alla rete terrestre. In questo contesto, ogni satellite è una stazione base mobile nello spazio. Può fornire agli utenti di tutto il mondo un servizio di accesso a Internet ad alta larghezza di banda, flessibile e conveniente.

Inoltre, ogni satellite impilabile può trasportare un’ala solare flessibile, che presenta dimensioni ridotte, leggerezza e modularità, per contribuire a risparmiare massa e costi di lancio, ha detto la società a Xinhua.

Il produttore di satelliti con sede a Pechino è operativo dall’aprile 2018, intende costruire una costellazione di satelliti a banda larga posizionata su un’orbita terrestre bassa e creare una rete di comunicazione globale 5G. Il 5 marzo 2022, GalaxySpace ha lanciato sei satelliti per comunicazioni a banda larga dallo Xichang Satellite Launch Center, verificando la tecnologia di rete e la capacità di servizio della costellazione di Internet.

Se lo sviluppo andrà bene, i satelliti impilabili dell’azienda dovrebbero essere lanciati all’inizio del prossimo anno, ha affermato Chang Ming, comandante in capo del progetto satellitare. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteCina: crescita robusta dell’industria automobilistica a gennaio-ottobre
Articolo successivoCina: ODI non finanziari aumentano del 7,4% nei primi 11 mesi