Telegram

“Ammesso e non concesso che noi industriali abbiamo fatto pressioni per tenere aperte le aziende, al dunque siamo rimasti impotenti davanti alle scelte della politica”.

Sono le parole del presidente di Confindustria Lombardia e di Officine meccaniche rezzatesi, Marco Bonometti, in un’intervista a La Stampa.

“Nessuna pressione” da parte degli industriali per evitare la creazione di una zona rossa nel Bergamasco: “Di quella zona rossa non si è mai parlato nei dettagli, l’idea era di chiudere le province di Bergamo e di Brescia, ma il governo ha optato per l’intera Lombardia.

Telegram
Telegram

Le decisioni in quel momento difficile, ma facile da analizzare col senno di poi, le ha prese l’esecutivo e noi imprenditori le abbiamo seguite”. Bonometti poi prosegue il suo discorso, facendo riferimento a un colloquio avuto con il governatore Fontana.

“L’11 marzo con il presidente della Lombardia Attilio Fontana ci incontrammo per un protocollo d’intesa per permettere alle aziende che potevano continuare senza mensa, con le distanze, con le protezioni e con lo smart working, di farlo. Abbiamo sempre salvaguardato le attività essenziali, dal settore alimentare al farmaceutico. Senza la Dalmine sarebbero finite le bombole d’ossigeno. Tutte quelle che non potevano rispettare le regole si sono fermate”.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteContestano Salvini. Anche loro senza distanza di sicurezza e, in molti, senza mascherina
Articolo successivoCovid-19, i nuovi dati dell’ISS: il 54% dei contagiati è donna