Telegram

Si ammalano di più degli uomini, ma sono a più alto rischio di contagio: sono le donne. Oltre il 54% dei casi di Sars-Cov-2 in Italia riguarda soggetti femminili, a fronte del 46% di pazienti maschi. Una percentuale in costante crescita da marzo a oggi. Una tendenza, inversa rispetto alle prime settimane della pandemia, che continua a crescere secondo l’ultimo aggiornamento della Sorveglianza Integrata Covid-19 in Italia, a cura dell’istituto Superiore di Sanità (Iss) relativo al 10 giugno scorso. Complessivamente l’Istituto Superiore di Sanità ha già reso noto che il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 in Italia rimane a bassa criticità, con una generale diminuzione nel numero di casi ed una assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali. Ma persiste, in alcune realtà regionali, un numero di nuovi casi segnalati ogni settimana elevati seppur in diminuzione. “In quasi tutta la penisola – sottolinea il report dell’Iss –  sono stati diagnosticati nuovi casi di infezione. Tale riscontro, che in gran parte è dovuto alla intensa attività di screening e indagine dei casi, evidenzia tuttavia come l’epidemia in Italia non sia conclusa”.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!