Telegram

“Quando la fiducia tornava a consolidarsi e con essa la ripresa economica, siamo stati colpiti ancor più duramente dall’esplosione della pandemia. Essa minaccia non solo l’economia, ma anche il tessuto della nostra società, così come l’abbiamo finora conosciuta, diffonde incertezza, penalizza l’occupazione, paralizza i consumi e gli investimenti”. Lo ha detto Mario Draghi al Meeting per l’amicizia fra i popoli a Rimini.

Nella crisi provocata dalla pandemia di Coronavirus “i sussidi che vengono distribuiti servono a sopravvivere e a ripartire. Ai giovani bisogna però dare di più, perché i sussidi finiranno”. L’ex presidente della Bce ha proseguito dicendo: “Dobbiamo accettare l’inevitabilità del cambiamento con realismo e adattare i nostri comportamenti e le nostre politiche”. Draghi ha poi evidenziato che “dalla politica economica ci si aspetta che non aggiunga incertezza a quella già provocata dalla pandemia e dal cambiamento, altrimenti finiremo per essere controllati dall’incertezza invece di controllarla noi”.

“La ricostruzione – ha poi spiegato – sarà inevitabilmente accompagnata da stock di debito destinati a rimanere elevati a lungo”. Per poi aggiungere: “Questo debito, sottoscritto da Paesi, istituzioni, mercati e risparmiatori, sarà sostenibile se utilizzato a fini produttivi, ad esempio investimenti nel capitale umano, nelle infrastrutture, nella ricerca. Se è cioè ‘debito buono’. La sua sostenibilità verrà meno se invece verrà utilizzato per fini improduttivi, se sarà considerato ‘debito cattivo'”.

Telegram

Parlando ancora del debito, Draghi ha puntualizzato che quello creato per far fronte alla pandemia di Covid-19 “è senza precedenti e dovrà essere ripagato principalmente da coloro che sono oggi i giovani”. In questo contesto, secondo l’ex governatore, è doveroso “far sì che abbiano tutti gli strumenti per farlo pur vivendo in società migliori delle nostre. Per anni una forma di egoismo collettivo ha indotto i governi a distrarre capacità umane e altre risorse in favore di obiettivi con più certo e immediato ritorno politico: ciò non è più accettabile oggi”, ha aggiunto. “Privare un giovane del futuro è una delle forme più gravi di diseguaglianza”, ha sottolineato Draghi tra gli applausi.

Secondo Draghi “dalla crisi scoppiata con la pandemia l’Europa può uscire rafforzata”, auspicando un “processo decisionale meno difficile” da parte della Commissione europea. “L’azione dei governi poggia su un terreno reso solido dalla politica monetaria. Il fondo per la generazione futura (Next Generation Eu) arricchisce gli strumenti della politica europea. Il riconoscimento del ruolo che un bilancio europeo può avere nello stabilizzare le nostre economie, l’inizio di emissioni di debito comune, sono importanti e possono diventare il principio di un disegno che porterà a un ministero del Tesoro comunitario la cui funzione nel conferire stabilità all’area dell’euro è stata affermata da tempo”, ha sottolineato l’ex presidente della Bce .

© Agenzia Nova – Riproduzione riservata

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!