Telegram
Telegram

Atlantide Pallavolo Brescia attesa dalla parte più calda del proprio ritiro precampionato. La squadra di coach Roberto Zambonardi è infatti volata a Barcellona per proseguire una parte della preparazione che anche quest’anno la società ha deciso di far coincidere con una breve tournée internazionale.

La trasferta internazionale è diventata ormai consuetudine per i Tucani, essendo stata introdotta per la prima volta nel 2018 quando la formazione bresciana volò a Ibiza. Partenza mercoledì con arrivo in Catalogna qualche ora più tardi e primo allenamento previsto già in serata insieme al Club Voleibol Barcellona.

Gli uomini di Zambonardi saranno attesi da due match di grande prestigio rispettivamente venerdì 16 (alle 14.30) contro il Club Voleibol Guaguas e domenica 18 (alle 12) contro Barcellona. Entrambe le formazioni spagnole prenderanno parte alla Superliga, massima divisione del campionato maschile spagnolo.

Telegram
Telegram

“Per noi sarà una grande occasione per costruire l’amalgama del gruppo, attraverso un’esperienza in cui saremo sempre a contatto dentro e fuori dal campo. Affronteremo avversari di grande qualità, ma il nostro obiettivo rimane quello di costruire il giusto spirito di gruppo, riproponendo la formula di successo degli scorsi anni” ha commentato coach Zambonardi.

Della tournée non faranno parte i ragazzi più giovani, alle prese con gli impegni scolastici e Gavilan, che resterà in città per questioni burocratiche legate al suo visto d’ingresso in Italia. Il ritiro spagnolo, favorito dall’assistente allenatore Aitor Barreros Casado, sarà una grande occasione per crescere come gruppo in vista del rientro in Italia, previsto per lunedì 19 settembre, che chiuderà la prima parte di preparazione al prossimo campionato.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteA Sirmione tornano i gruppi di lettura. Un’esperienza collettiva
Articolo successivo8 milioni sotterrati, i due coniugi ammettono l’evasione