Con maggiori investimenti nei settori dell’energia verde, la Cina contribuirà in modo molto positivo alla crescita globale, hanno affermato i partecipanti all’incontro di Davos.

Durante l’incontro annuale del World Economic Forum (WEF) di quest’anno, che si è aperto lunedì, il cambiamento climatico è stato tra le principali preoccupazioni dei partecipanti, con il ruolo della Cina nella transizione mondiale verso l’energia verde sotto i riflettori.

La Cina è uno dei maggiori investitori nell’energia solare, nell’energia eolica e nello stoccaggio delle batterie, che sono tutti settori ad alta crescita, ha detto a Xinhua Leslie Maasdorp, vice presidente e chief financial officer della New Development Bank, durante un’intervista al WEF.

Sottolineando che una vendita su due al mondo di veicoli elettrici avviene in Cina, Maasdorp ha affermato che il Paese può svolgere un ruolo cruciale nello stimolare la strategia di crescita a basse emissioni di carbonio dell’economia mondiale.

“Ciò che mi ha colpito di più è che quasi tutti qui parlano di trasformazione verso nuove energie”, ha affermato Forest Tu, presidente per le vendite e il marketing del produttore cinese di batterie Contemporary Amperex Technology Co., Limited (CATL).

Il produttore di batterie cinese ha fornito batterie alle principali case automobilistiche di tutto il mondo e vuole diventare un attore fondamentale nella transizione verso l’energia pulita.

Con soluzioni di transizione energetica ben sviluppate, CATL è impaziente di stabilire una cooperazione con i governi per contribuire a promuovere l’elettrificazione, ha detto Tu a Xinhua.

Oltre all’industria dei veicoli elettrici, al WEF è stato evidenziato anche lo sviluppo delle energie rinnovabili in Cina.

La Cina è un importante produttore di energia rinnovabile, ha detto il presidente del WEF Borge Brende a Xinhua prima dell’apertura dell’incontro annuale.

Le energie rinnovabili non solo fanno bene all’ambiente e al clima, ma creano anche molti più posti di lavoro rispetto alle tradizionali industrie dei combustibili fossili, ha osservato Brende.

“Siamo estremamente orgogliosi dei passi compiuti dal governo cinese per promuovere l’energia rinnovabile come parte del mix energetico necessario alla Cina per alimentare il suo continuo sviluppo e la sua crescita economica”, ha detto a Xinhua Haitham Al Ghais, segretario generale dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio.

Al Ghais ha accolto con favore gli “obiettivi ambiziosi” della Cina che sono stati definiti dalla leadership come “a impatto zero”, affermando che la Cina sta assumendo un ruolo di primo piano e che “elogiamo davvero la Cina per seguire quella direzione”. (Xin) © Xinhua

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteForza Italia verso le regionali, “obiettivo doppia cifra”
Articolo successivoMoreo al Pisa, “Grazie per avermi fatto sentire a casa”