“Riteniamo che a tutti gli elettori che si riconoscono nelle forze civiche e politiche del centrosinistra cittadino vada riconosciuto un ruolo attivo nella scelta del candidato Sindaco. Prendiamo altresi atto che il confronto in seno al tavolo di coalizione del centrosinistra non ha fino ad ora portato a una sintesi unitaria delle posizioni in campo. A questo fine, intendiamo fornire un contributo di responsabilità e di disponibilità, sostenendo e impegnandoci a favore di primarie di coalizione”.

In queste poche righe, scritte e firmate a quattro mani da Valter Muchetti e Federico Manzoni, c’è praticamente già tutto. Una richiesta fatta dai due esponenti Pd in lizza per la candidatura di andare alla conta, insomma di indire delle primarie.

“Questo strumento consentirebbe di valorizzare tutte le sensibilità e le idee al servizio della Città – proseguono – e offrirebbe un viatico prezioso alla candidatura a Sindaco della persona che dalle primarie dovesse uscire vincitrice”.

Manzoni e Muchetti, nella lettera pongono più volte l’accento sull’importanza della partecipazione, trando come esempio l’introduzione dei consigli di quartiere.

“Confidiamo che il centrosinistra cittadino abbia il coraggio di aprirsi a tutti coloro che hanno a cuore una Brescia viva, coesa, solidale, sostenibile e al passo con le sfide che ci attendono- concludono – il loro coinvolgimento è importante e la partecipazione alle primarie è il modo per fare la differenza e per contribuire a determinare il futuro della nostra comunità”.

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedente“Farai la fine di Sana”, condannati i genitori di una giovane
Articolo successivoPos, mutui e non solo. I cambiamenti nella manovra