“Noi non copiamo le notizie”. Ecco perchè non vi parliamo di Manzoni
Telegram

di Paolo Bollani

Il Pd cittadino oggi ha diffuso la notizia di sostegno a due assessori dell’attuale Giunta Del Bono per kla corsa a Sindaco nel 2023: Valter Muchetti e Federico Manzoni.

Quasi in contemporanea Manzoni ha convocato la stampa, cioè la stampa scritta e quindi i 4 quotidiani bresciani, per alcune dichiarazioni.
Dichiarazioni che, nel pomeriggio, hanno tenuto banco nelle home dei rispetti siti internet. Non sul nostro, perchè in quanto non “carta stampata” non siamo stati invitati.

Telegram

Avremmo potuto “copiare” la notizia e “accontentarci del clic sul sito e social”.

Ecco, questo fino ad oggi, da quando sono direttore di Èlive non l’abbiamo mai fatto. Siamo una piccola redazione, abbiamo mezzi limitati ma abbiamo anche troppo rispetto per voi che ci leggete per “copiare quello che scrivono altri colleghi e poi venderlo come farina del nostro sacco”.

Non a caso abbiamo scelto il claim “indipendenti per scelta” perchè come tali, seppure piccoli e con pochi mezzi, quello che vi proponiamo è frutto del nostro lavoro. Sempre.
Piccoli ma le domande ai politici, agli amministratori pubblici, agli imprenditori, alle persone con le quali ci interfacciamo le vogliamo fare noi.

E oggi abbiamo scelto di non darvi la notizia che trovate sui quotidiani e su molti altri siti. La scriveremo quando le domande saremo noi a farle.

Non voglio assolutamente sostenere che in tutto questo ci sia stato del “dolo” ma certo una grave disattenzione che, seppur in buona fede, non ci consente di darvi la notizia.

Non siamo negli anni ’70, siamo nel 2022 e chi fa informazione oggi non sono solo i giornali di carta. Basterebbe guardare i dati di vendita e diffusione per capirlo.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteOltre mille ricoveri covid in Lombardia, 1.878 casi a Brescia
Articolo successivoNatali (FdI), “non c’è solo Rolfi, noi abbiamo tre nomi”