Telegram
Telegram

Due amici che nel pomeriggio di sbato avevano deciso come molti di concedersi un’escursione fino al Lago della Vacca, al momento del ritorno la decisione di separarsi per scendere a valle attraverso due diversi percorsi: uno lungo il sentiero, l’altro lungo la verticale verso la Val Paghera.

L’appuntamento era stato fissato dai due in un punto di ritrovo a valle, ma dopo l’arrivo del primo il secondo tardava a farsi vivo. Passavano i minuti e cresceva la paura tanto che l’escrusionista ha ben deciso, attorno alle 21.30, di chiamare aiuto.

Dal centro operativo di Esine sono partite le squadre della V Delegazione Bresciana del Soccorso Alpino, con una decina di tecnici e sono state impegnate anche le stazioni di Breno e di Media Valle. Gli operatori specializzati hanno raggiunto la zona, valutato l’area di ricerca e poi si sono divisi in due squadre per procedere in direzioni diverse.

Telegram
Telegram

Dopo poco i soccorritori sono riusiti a individuare il disperso ottenendo un contatto vocale: il malcapitato si trovava in una zona molto impervia e difficile da raggiungere persino dagli esperti alpinisti che sono riusciti ad arrivarci solo attorno alle 3.30 di notte. Sul posto è giunto anche l’elicottero decollato da Como e abilitato per le operazioni notturne che è riuscito a recuperare l’escursionista e trasportarlo all’ospedale di Esine pe gli accertamenti.

Subito dopo il velivolo è tornato sul posto e ha prelevato anche i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico per riportali in tutta sicurezza a valle.

Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteMoratti, 75% dei lombardi è già vaccinato con la 1° dose
Articolo successivo“Supercella” sul bresciano. Paura per allagamenti a Iseo e in Valcamonica