6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram
Restart

Altre due morti sospette finite nel mirino della Procura di Brescia e nei fascicoli sul tavolo a disposizione del sostituto procuratore Maria Cristina Bonomo. Si tratta di due morti per crisi respiratorie. Due persone abitanti in zone limitrofe rispetto alla Bassa Bresciana, epicentro dell’epidemia. Ma tanto è bastato affinché venissero accertate le cause del decesso ed inserite nel novero di quelle morti sospette che stanno attanagliando l’intera provincia. L’inchiesta aperta al momento non ha nomi nel registro degli indagati. Il fascicolo è contro ignoti anche se l’accusa è pesante: epidemia colposa. Procedono quindi a ritmo sostenuto gli accertamenti dell’Ats e dei carabinieri del Nas volti a raccogliere materiale da esaminare per risalire agli spazi, ai contesti in cui può essersi sviluppato il batterio della legionella. Nel frattempo altre due morti vanno ad aggiungersi a quelle avvenute nei giorni scorsi per crisi respiratorie. Un dato a non far certamente diminuire la paura e la tensione nella nostra provincia.

6chic | grafica . internet . stampa . visual
Restart
Restart
6chic | grafica . internet . stampa . visual
Telegram