“Prossimità e prevenzione”, Fragalà è il nuovo comandante dei Carabinieri
Telegram

Cambio della guardia al Comando Provinciale dei Carabinieri di Brescia. Dopo il saluto la scorsa settimana del colonnello Gabriele Iemma, oggi si è presentato ufficialmente il suo successore Vittorio Fragalà.

Fragalà punta alla continuità con il predecessore nello spirito dell’Arma dei Carabinieri: parole d’ordine sono prevenzione e attenzione nei confronti dei soggetti più vulnerabili.

“I capisaldi dell’Arma dei Carabinieri lo saranno anche nella provincia di Brescia – le prime parole di Fragalà ai microfoni di Èlive – Sono la prevenzione e la prossimità ai cittadini attraverso il dispositivo capillare sul territorio nelle stazioni che sono un luogo di ascolto. Credo molto che la conoscenza reciproca sia fonte di rispetto e dal rispetto arriva la civile convivenza. Quindi un rapporto di crescita costante che consentirà di garantire nel miglior modo possibile la sicurezza dei cittadini”.

Telegram

Dicevamo, oggi la presentazione ufficiale. Ma già da qualche giorno il colonnello Fragalà si trova a Brescia e ha quindi potuto prendere un primo contatto quantomeno con la città e con le sue istituzioni.

“Ho trovato una città veramente accogliente dove c’è una grande sinergia istituzionale – è la prima impressione del nuovo Comandante – La città mi ha occolto a 360 gradi. Io sono lieto e onorato di essere qui”.

Il curriculum

Il Colonnello Vittorio Fragalà è nato a Napoli il 10 novembre 1974, è sposato e ha due figli. Ha frequentato la Scuola Militare “Nunziatella” a Napoli nel triennio ’90-’93 e l’Accademia Militare di Modena nel biennio ’93-’95, conseguendo la nomina a Sottotenente dei Carabinieri il 1° settembre 1995 e la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma dal 1995 al 1998.

Promosso nel frattempo Tenente, fra 1998 e il 1999, è stato Comandante di Plotone Allievi Marescialli presso il Reggimento di Velletri della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri.

Dal 1999 al 2002, già promosso Capitano, è stato Comandante del Nucleo Operativo della Compagnia Milano Duomo.

Dal 2002 al 2004 è stato Aiutante di Campo del Comandante Interregionale Carabinieri “Pastrengo” a Milano.

Dal 2004 al 2006 è stato Aiutante di Campo del Comandante Generale dell’Arma.

Dal 2006 al 2010, promosso nel frattempo Maggiore, ha comandato la Compagnia Carabinieri Roma Parioli.

Dal 2010 al 2015 ha prestato servizio presso l’Ufficio Addestramento e Regolamenti dello Stato Maggiore del Comando Generale dei Carabinieri, dal 2010 al 2013 quale Capo della 3^ sezione e, dopo la frequenza del 16° Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze, promosso Tenente Colonnello, dal 2014 al 2015 quale Capo della 1^ Sezione.

Dal 2015 al 2018 è stato Comandante del Gruppo Carabinieri di Napoli.

Dal 2018 a oggi ha prestato servizio presso lo Stato Maggiore del Comando Generale Carabinieri dapprima quale Capo Ufficio Relazioni con il Pubblico e dal 2019, promosso Colonnello, quale Capo Ufficio Addestramento e Regolamenti.

Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l’Università “La Sapienza” di Roma, la laurea in “Scienze della Sicurezza” e la laurea specialistica in “Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna” presso l’Università di Roma “Torvergata”, la laurea in “Scienze Politiche” presso l’Università di Trieste e il Master in Studi Strategico Militari presso l’Università Roma 3.

Gli è stata conferita la medaglia di bronzo al merito della Croce Rossa Italiana, la medaglia d’argento per lungo comando, la croce d’oro per anzianità di servizio.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteLa fiera di Santa Maria della Vittoria, domenica la 1° edizione
Articolo successivoBrescia primeggia (in negativo) per infortuni sul lavoro