Telegram
Telegram

Domenica una rider si trovava nei pressi del Parco Tarello, luogo indicato dalla sua azienda e un punto di ritrovo per i riders in attesa di ricevere gli ordini di consegna, quando è stata molestata verbalmente da un uomo che si trovava nei dintorni. A riferire dell’accaduto è la Filt Cgil di Brescia che chiede quindi maggiore sicurezza.

“La lavoratrice, molto scossa per l’accaduto, ha segnalato immediatamente l’episodio e come sindacato siamo subito intervenuti – scrive la Cgil – l’azienda ha quindi individuato un nuovo punto di ritrovo in città, meno isolato e più centrale, per evitare che si ripetano fatti simili. Crediamo indispensabile che le lavoratrici possano svolgere la loro mansione senza sentirsi insicure e minacciate”.

La Camera del lavoro di Brescia chiede a gran voce che i riders, figure sempre più presenti nel nostro mondo, abbiano condizioni di lavoro sicure. Lo spostamento del punto di ritorovo – si spera – in una zona più sicura è già qualcosa. Ma per la Cgil “non risolve i molteplici problemi di chi lavora perennemente esposto alle intemperie, spesso con forme di lavoro precarie e che non possiede neanche una sede dove poter sostare in sicurezza e in modo dignitoso”.

Telegram
Telegram
Telegram
Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteMessa in tuta da ciclista? “No grazie”. Il Vescovo bacchetta don Corazzina
Articolo successivo“Fare di Brescia un modello”. La Germani si presenta in Loggia