Telegram

È un progetto di Ok School con 3Team che coniuga sport, calcio femminile, alimentazione con un focus sui disturbi alimentari che colpiscono in particolare le giovanissime.

L’appuntamento è per venerdì 11 novembre alle 20.00 in via Reggio 12, nella sede di Ok School, Area 12 con le atlete di 3Team, psicologhe e professionisti dell’alimentazione.
Un appuntamento aperto a tutti previa iscrizione nel form che si apre inquadrando il QR Code nella locandina.

Riflettori puntati dunque su un tema che rappresenta uno delle problematiche più diffuse e comuni nelle fasce d’età giovanili: i disturbi alimentari.

Telegram

“STARE BENE” rappresenta un’importante occasione di confronto sul ruolo fondamentale e la ricaduta dell’attività fisica sulla salute pubblica e sulla qualità della vita dal punto di vista fisico e psicologico.

Un progetto nato da 3Team che da questa stagione sportiva introdurrà per le atlete degli approfondimenti a tema alimentazione per far si che la loro crescita sportiva e sociale sia passo passo seguita e supportata da esperti che con questo evento iniziano l’avventura con la società.

Grazie all’intervento di esperti del settore come le psicologhe Sara Boroni e Silvia Lucariello e la biologa Roberta Co, si discuterà di alimentazione, prevenzione e corretti stili di vita.

A sostegno del progetto Regione Lombardia con la nuova legge sui disturbi alimentari proposta dalla Consigliera regionale Simona Tironi che ha dimostrato un importante segno di attenzione nel benessere e nella cura di queste problematiche.

A far da cornice, inoltre, l’esperienza di Debora Massari che nel campo dell’alimentazione ha fatto sì che le sinergie si unissero per dare e fornire esempi di cosa significa la corretta alimentazione nella vita e nello sport.

Telegram

Il Pirlo delle 6

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere ogni giorno, orario aperitivo, le principali notizie pubblicate sul sito!

Articolo precedenteAlluvione in Val Camonica: il Ministero riconosce l’eccezionalità
Articolo successivoIl commissario italiano al commercio è ottimista sul mercato cinese